MotoGP, Pol Espargaro: “Honda si aspetta da me grandi risultati”

MotoGP, Pol Espargaro: “Honda si aspetta da me grandi risultati”
Altri dettagli:
Moto.it SPORT

Fino adesso, però, Pol ha corso in MotoGP senza alcuna pressione, qualsiasi risultato andava bene.

Con la Honda è diverso: Pol lo sa, ma è pronto per una sfida che in passato ha messo in crisi piloti fortissimi.

“No, non me lo posso permettere: la Honda non mi ha preso per questo, ma per provare a vincere.

“Quando ho deciso di firmare per Hrc sapevo che era 'O tutto o niente', so cosa significano questi colori, qual è la mia responsabilità senza Marquez al mio fianco all’inizio

Sappiamo che Honda vuole piloti per vincere gare e campionati: Marquez ha dimostrato in passato di poter lottare per la vittoria in ogni GP e Honda si aspetta lo stesso da me. (Moto.it)

Ne parlano anche altre fonti

Lo spagnolo sarà infatti la grande novità di quest'anno per lo squadrone della Casa di Tokyo, con cui correrà al fianco di Marc Marquez dopo quattro stagioni nel team KTM Factory. Sugli avversari, invece, “Polyccio” ha le idee chiare: “Quando Marc tornerà, sarà sicuramente l'avversario numero uno in quanto è il punto di riferimento di tutta la MotoGP. (Motosprint.it)

Honda si ritirò ufficialmente alla fine dell’anno dopo, senza riuscire a bissare il titolo marche e senza portare un suo pilota al titolo più ambito. Una partecipazione iniziata nel 1966 con il primo successo ad opera della RC181, 500 a quattro tempi e quattro cilindri, piloti Hailwood e Redman, campione del mondo piloti Agostini con la MV Agusta. (Moto.it)

“Questo indica che la moto è complessa” ha sottolineato Pol Espargaró “Stiamo parlando di un team e di una moto vincenti: so quali risultati ci si aspettano con questi colori e voglio essere all’altezza. (Corse di Moto)

Come sarà l'Honda che verrà

Bisogna replicare ciò che fa Marc e tutto in un arco di tempo molto breve, non posso aspettare metà stagione”. Quando ho pensato di passare al team Repsol Honda avevo le idee chiare, o tutto o niente (Motorsport.com Italia)

Per fare ciò sa che dovrà innanzitutto vincere la sfida interna con il suo compagno di squadra Marc Marquez che è stato il mattatore Honda dal 2013 ad oggi. Abbiamo già un collaudatore ed è lui che si occupa di sviluppare la moto e studiare come migliorare l’anteriore” (Italia Sera)

Da un lato il nuovo Marquez, dall'altro le aspettative di Espargaro: prima uscita della nuova coppia del team Repsol Honda, che ha svelato ieri le moto con cui affronterà il Mondiale 2021. La competitività dovrebbe riacquistarla dopo qualche gara, quando si sentirà di nuovo sicuro, naturale e non sforzato, indemoniato senza paura (Sky Sport)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr