Coronavirus, i non vaccinati rischiano di morire 11 volte di più: i risultati di uno studio

Coronavirus, i non vaccinati rischiano di morire 11 volte di più: i risultati di uno studio
Approfondimenti:
News Mondo ESTERI

Terapia intensiva coronavirus. Il secondo studio. Un secondo studio, invece, è sempre stato effettuato sull’efficacia dei vaccini.

Il primo studio. Il primo studio è stato condotto negli Usa durante la primavera e l’estate, quindi in un periodo con la variante Delta che già circolava.

Uno studio americano sul coronavirus: i non vaccinati rischiano di morire 11 volte di più.

ROMA – Secondo uno studio americano sul coronavirus senza vaccino si rischia di morire ed essere ricoverati. (News Mondo)

La notizia riportata su altre testate

L'estensione dell'uso del certificato Covid a partire da lunedì 13 settembre continua a scaldare gli animi in Svizzera. Negli ospedali le persone attualmente ricoverate sono 20 e ce n'è una in più (sei in totale) nei reparti di cure intense (RSI.ch Informazione)

Che ci siano risultati positivi è possibile, ma prima di parlare di terza dose penso sia necessario avere dei dati più concreti. Prima di prendere decisioni importanti come l’uso di una terza dose è preferibile aspettare dati e informazioni più approfondite”. (Il Sussidiario.net)

In questo periodo:. Moderna è risultato efficace al 95% nel prevenire i ricoveri ospedalieri tra gli adulti di età pari o superiore a 18 anni. Per il monodose Johnson & Johnson l’efficacia è del 60%. (Scienze Fanpage)

Variante Delta, quanto rischiano i non vaccinati: i nuovi studi

I numeri confermano che "la vaccinazione protegge contro forme severe della malattia, variante Delta compresa". In sostanza, l'efficacia dei vaccini contro i rischi di ricovero non è mutata durante il periodo di diffusione della variante Delta. (Adnkronos)

Giappone: il fallimento di Suga mette a rischio la ripresa di Tokyo di Filippo Santelli. L’economia nipponica dovrebbe tornare a crescere nella seconda metà dell’anno ma nessuno dei due candidati alla successione, Kishida e Kono, ha il carisma e i voti necessari per avviare riforme strutturali e affrontare l’inesorabile avanzata cinese (La Repubblica)

Una risposta importante della scienza, visto che la mutazione in oggetto è quella più diffusa a livello mondiale (il 90% dei nuovi casi è positivo alla variante Delta, si va oltre il 99% se si prende in considerazione la sola Europa). (QuiFinanza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr