Open Fiber e TIM, domani CDA straordinari: via libera al protocollo d’intesa sulla rete?

MondoMobileWeb.it ECONOMIA

Infatti, come riportato sull’edizione cartacea del Corriere della Sera di oggi, 28 Maggio 2022, domani pomeriggio (ore 18:00 del 29 maggio 2022 secondo fonti finanziarie) si svolgeranno i Consigli di Amministrazione straordinari delle parti direttamente coinvolte, ossia TIM, Open Fiber e Cassa Depositi e Prestiti (CDP), quest’ultima azionista sia di TIM che di Open Fiber.

Dunque, nonostante questo ritardo rispetto ai tempi previsti, con i CDA di domani dovrebbe arrivare la delibera propedeutica alla firma del Memorandum che porterà all’integrazione delle infrastrutture di rete di TIM e Open Fiber. (MondoMobileWeb.it)

Ne parlano anche altri giornali

Cinque mesi per il via libera definitivo alla Rete unica in fibra ottica tra le infrastrutture di Tim e quelle di Open Fiber sotto la regia della Cassa depositi e prestiti (Cdp), che della rete è l’azionista di controllo. (Notizie - MSN Italia)

A Golfo Aranci verranno sostituiti complessivamente circa 4.500 contatori e le operazioni si concluderanno entro Agosto 2022. La data relativa al singolo intervento sarà comunicata tramite avvisi esposti, con qualche giorno di anticipo, all’ingresso degli immobili interessati dalla sostituzione. (Sardegna Reporter)

Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno. Borsa Italiana non ha responsabilità per il contenuto del sito a cui sta per accedere e non ha responsabilità per le informazioni contenute. (Borsa Italiana)

La nuova conformazione della società sarà presentata ai mercati nel Capital market day del 7 luglio.Il memorandum firmato con i cda straordinari di Tim e Cdp insieme a quello di Open Fiber che si sono tenuti oggi, segna comunque una svolta 'storica' per Tim. (Tiscali Notizie)

Ma in questa legislatura i Cinque stelle hanno raccolto il testimone puntando sin dall'inizio alla creazione della società per la rete unica. Il progetto, però, non piaceva a tutto l'arco costituzionale perché prevedeva sostanzialmente che Tim detenesse la maggioranza della nuova entità. (ilGiornale.it)

Open Fiber, la società controllata da Cdp e dal fondo Macquarie e guidata da Mario Rossetti, dovrebbe essere il veicolo per la rete unica, ma le modalità di integrazione non sono ancora definite. Il memorandum prevede che la nuova società sia controllata da Cdp Equity e partecipata da Macquarie (azionista di Open Fiber) e Kkr, il fondo americano azionista di FiberCop, la rete secondaria di Tim. (Notizie - MSN Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr