Artena e Valle del Sacco. Scoperta maxi evasione fiscale: denunciate 8 persone

Artena e Valle del Sacco. Scoperta maxi evasione fiscale: denunciate 8 persone
Approfondimenti:
Casilina News INTERNO

Foto di repertorio

L’operazione si inquadra nella più ampia azione svolta dalla Guardia di Finanza della Capitale al contrasto dell’economia sommersa e delle frodi fiscali che, oltre a sottrarre ingenti risorse finanziarie allo Stato, alterano le regole del mercato e danneggiano i cittadini e gli operatori onesti.

L’ammontare delle imposte evase è stato segnalato all’Autorità Giudiziaria di Catanzaro che ha proceduto al sequestro preventivo di beni immobili e mobili del valore di oltre 20 milioni di euro, ai fini della confisca “per equivalente”. (Casilina News )

Se ne è parlato anche su altre testate

Dall’esame dei documenti fiscali, ha dichiarato la Guardia di Finanza, “è emerso come la società olandese era solita emettere fatture senza IVA applicando il meccanismo del c. ‘reverse charge‘ anche nei casi in cui la struttura ricettiva era priva della relativa partita, con la conseguenza che l’imposta non veniva dichiarata né versata in Italia”. (QuiFinanza)

Booking: fatture senza applicare IVA. Come riporta l’Ansa, le indagini su Booking sono iniziate nel 2018 a seguito di una serie di accertamenti fiscali eseguiti dalle autorità liguri su alcuni B&B. Una situazione spiacevole, soprattutto per i clienti che hanno riposto fiducia nel colosso e che si sono ritrovati con una serie di fatture senza IVA. (ViaggiNews.com)

IL FOCUS Cartelle esattoriali, «Stop rapido ma servono più poteri. Secondo gli investigatori, coordinati dal sostituto Giancarlo Vona e dall'aggiunto Francesco Pinto, Booking avrebbe guadagnato dal 2013 al 2019 circa 700 milioni di euro su oltre 800 mila transazioni. (ilmattino.it)

Booking sotto accusa: “Ha evaso in Italia 153 milioni di euro di Iva”

“reverse charge” anche nei casi in cui la struttura ricettiva era priva della relativa partita, con la conseguenza che l’imposta non veniva dichiarata né versata in Italia. (Primocanale)

Dall'esame dei documenti fiscali, ha dichiarato la Guardia di Finanza, "è emerso come la società olandese era solita emettere fatture senza IVA applicando il meccanismo del c. Secondo gli investigatori, coordinati dal sostituto Giancarlo Vona e dall'aggiunto Francesco Pinto, il sito di prenotazioni avrebbe guadagnato dal 2013 al 2019 circa 700 milioni di euro su oltre 800 mila transazioni. (ilmessaggero.it)

Booking avrebbe guadagnato dal 2013 al 2019 circa 700 milioni di euro su oltre 800 mila transazioni secondo gli investigatori, coordinati dal sostituto Giancarlo Vona e dall'aggiunto Francesco Pinto. L'inchiesta è partita nel 2018 da una serie di accertamenti fiscali su gestori di Bed&Breakfast, soprattutto della zona del Levante ligure. (Fanpage.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr