I casi in cui si perde l’eredità dei soldi su un conto corrente cointestato

I casi in cui si perde l’eredità dei soldi su un conto corrente cointestato
Proiezioni di Borsa ECONOMIA

Al momento dell’apertura della successione anche le giacenze su conto corrente bancario o su libretto postale rientrano nell’asse ereditari.

Esistono tuttavia i casi in cui si perde l’eredità dei soldi su un conto corrente cointestato.

In un precedente articolo la Redazione ha indicato “Come si divide l’eredità dei soldi sul conto corrente cointestato?”.

Grazie alla consulenza dei nostri Esperti analizzeremo i casi in cui si perde l’eredità dei soldi su un conto corrente cointestato. (Proiezioni di Borsa)

Su altri giornali

Andrea Orcel, amministratore delegato di Unicredit, è pronto ad applicare i tassi negativi sui conti correnti dei clienti che hanno un saldo superiore a 100.000 euro. Siccome anche le banche commerciali pagano tassi negativi alla BCE sono costrette a rifarsi sul correntista per coprire costi di gestione diventati eccessivi. (Proiezioni di Borsa)

In questo caso agli eredi quanto tempo serve per sbloccare il conto corrente e poter usare i propri soldi? La dichiarazione di successione. (Proiezioni di Borsa)

Un uomo di 42 anni pregiudicato, napoletano, è stato denunciato per truffa informatica dai Carabinieri della Stazione di Fagagna, Stazione comandata dal Maresciallo Francesco Serpi. A finire nel mirino del malvivente una 63enne residente nel Friuli Collinare, derubata di 6.100 euro. (Telefriuli)

5 validi motivi per tenere i soldi in casa invece che sul conto corrente in banca o in posta

Le ha clonato la sim del telefono, accedendo così al suo home banking e sottraendole dal conto corrente la somma di 6 mila e 100 euro. I militari sono così risaliti all’autore del fatto, un uomo residente a Napoli, di 42 anni, pregiudicato. (UdineToday)

La banca belga Ing applica un tasso di interesse dello 0,5% ma sui conti correnti con oltre due milioni di euro. Ma perché le banche vogliono chiudere o penalizzare i conti correnti sopra i centomila euro? (BresciaToday)

Ben sappiamo che l’Agenzia delle Entrate ha ormai il potere di pignorare direttamente il conto corrente del contribuente che versa in una situazione debitoria Ecco dunque 5 validi motivi per tenere i soldi in casa invece che sul conto corrente in banca o in posta. (Proiezioni di Borsa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr