È morta Ronnie Spector, leader delle Ronettes con ‘Be my baby’

Music Fanpage CULTURA E SPETTACOLO

L’artista, rimasta impressa nel panorama musicale per la sua voce e potente e per pezzi di successo come ‘Baby My Baby’ e ‘Baby I love you’, è morta di cancro a 79 anni.

Nella sua vita provata Ronnie Spector fu legata a Phil Spector, il produttore che per primo fece firmare un contratto musicale alle Ronettes con la sua Philles Records

A cura di Giulia Turco. È morta Ronnie Spector, la cantante icona anni ’60 che nel 1957 aveva formato la band pop tutta al femminile, The Ronettes, insieme alla sorella maggiore Estelle Bennett e la cugina Nedra Talley. (Music Fanpage)

Su altri media

A tutti gli studenti rivolgo i migliori auguri per il loro percorso scolastico e di vita”. Erano presenti l’Assessore alla Pubblica Istruzione Massimiliano Sanna e la Dirigente scolastica Tiziana Laconi insieme ai funzionari comunali e ai docenti che hanno curato il progetto, Giovanna Serra e Marco Cruciani. (Sardegna Reporter)

Il successo con le Ronettes. leggi anche. Zendaya nei panni di Ronnie Spector nel film dedicato alla cantante. Nata Veronica Greenfield a New York il 10 agosto 1943, Spector era figlia di una madre afroamericana-cherokee e di un padre di origini irlandesi Ronnie ha vissuto la sua vita in un battito di ciglia, con ironia e con il sorriso. (Sky Tg24 )

Nel 1957 ha formato il gruppo che sarebbe poi diventato noto come The Ronettes, composto insieme a sua sorella Estelle e alle loro cugine Nedra, Diane ed Elaine. La loro canzone più celebre è la memorabile Be My Baby, considerata la massima espressione del cosiddetto “Wall of Sound” di Phil Spector (Paramount Network)

Nel 1957 forma The Ronettes con la sorella maggiore Estelle Bennett e la cugina Nedra Talley e nel 1963 firma con il leggendario produttore dei Beatles Phil Spector, poi diventato suo marito. Foto Getty Images. (End of a Century)

Ma nella vita di Ronnie ci sono state anche profonde ferite, come il tumultuoso matrimonio con il produttore della band, Phil Spector, poi arrestato per omicidio, morto il 16 gennaio di un anno fa. “Be my baby”, uscita nel ’63, resta il pezzo cult assieme a “Baby I love you” e “Walking in the rain”, a cui sono seguiti brani natalizi. (La Voce di New York)

La band di Ronnie Spector ebbe anche alcune canzoni protagoniste delle colonne sonore di film amatissimi, come Dirty Dancing, ad esempio. Una celebrazione della vita e della musica di Ronnie sarà annunciata in futuro» (Billboard Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr