TIM, l'ad Luigi Gubitosi pronto alle dimissioni

Calcio e Finanza ECONOMIA

La stessa trattazione tra gli ultimi punti dell’ordine del giorno del Cda di domani può dare un senso di scarsa priorità”

In altre parole, il Consiglio deve agire nell’interesse di tutti i Soci e a tutela del mercato, e cioè anche degli azionisti di minoranza, e di tutti gli stakeholders (creditori, dipendenti, ecc.)”.

Il destinatario di una eventuale offerta, quindi, non è la società ma i soci che decideranno nella loro autonomia come comportarsi”. (Calcio e Finanza)

Ne parlano anche altre testate

(LaPresse) – “L’idea, ventilata da alcuni consiglieri di non inserire il prezzo nel comunicato stampa o di non precisare le condizioni poste da KKR, o addirittura l’interrogativo sull’opportunità di emettere un comunicato, dimostrano la totale mancanza di rispetto verso il mercato che non può appartenere alla cultura di Tim”, continua la lettera, “La stessa trattazione tra gli ultimi punti dell’ordine del giorno del Cda di domani può dare un senso di scarsa priorità” (LaPresse)

Roma, 25 nov. (LaPresse) – “Le non troppo velate accuse che mi sono state rivolte in relazione alla mia presunta vicinanza a KKR, oltre ad essere totalmente fuori luogo e false come ho ripetutamente fatto presente, non devono essere utilizzate strumentalmente per rallentare il processo di esame della indicazione di interesse, tentativo dal quale mi dissocio in modo netto”. (LaPresse)

Il destinatario di una eventuale offerta, quindi, non è la società ma i soci che decideranno nella loro autonomia come comportarsi. (LaPresse) – “Ai sensi della normativa vigente, qualora l’Offerta venisse formalizzata, il Cda dovrà con totale trasparenza consentire agli azionisti di valutare la convenienza dell’Offerta e la congruità del prezzo offerto”. (LaPresse)

Tim: Gubitosi, Cda agisce in interesse tutti i soci e tutela mercato

Se questo passaggio consentirà unadella non binding offer di KKR, sarò contento che sia avvenuto". Il destinatario di una eventuale offerta, quindi, non è la società ma i soci che decideranno nella loro autonomia come comportarsi (Teleborsa)

Nella missiva Gubitosi annuncia, secondo fonti, che “al fine di favorire il processo decisionale da parte del Consiglio, metto a disposizione del CdA le deleghe che mi avete conferito, per vostra opportuna valutazione. (LaPresse)

Roma, 25 nov. “In altre parole, il Consiglio deve agire nell’interesse di tutti i Soci e a tutela del mercato, e cioé anche degli azionisti di minoranza, e di tutti gli stakeholders (creditori, dipendenti, ecc. (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr