Pd: "Meloni? Momento non facile, si rifugia nel vittimismo"

Pd: Meloni? Momento non facile, si rifugia nel vittimismo
Adnkronos INTERNO

"Per Giorgia Meloni non deve essere un momento facile ed è comprensibile il suo tentativo di rifugiarsi nel vittimismo.

Però -riferiscono fonti del Partito democratico - non le consentiamo di continuare a falsificare la realtà: il Pd non ha chiesto di sciogliere Fratelli d'Italia ma Forza Nuova".

Come mai le viene così difficile?

"Anziché cambiare discorso -proseguono le stesse fonti del Nazareno- dimostri una volta per tutte di prendere le distanze e contrastare senza alcuna ambiguità i movimenti eversivi di stampo fascista. (Adnkronos)

Su altre testate

Per la leader di FdI con l’ateismo è in gioco l’identità dei singoli paesi europei e, pertanto, va fermato. Ciononostante, Meloni continua a ricordare il suo essere «mujer, madre, italiana, cristiana». (Domani)

Dopo aver dichiarato che Fdi condanna «fascisti, i parafascisti, post fascisti, neo fascisti, criptofascisti», che altro deve dire Meloni? Hanno dunque ragione Salvini e Meloni ad arrabbiarsi per l’ennesima domanda sul “fascismo”. (Tempi.it)

Aveva inoltre dichiarato di non sapere quale fosse la matrice della manifestazione: "È sicuramente violenza e squadrismo, poi la matrice non la conosco. Dopo le proteste di sabato il Pd ha depositato due mozioni, alla Camera e al Senato, per chiedere al governo lo scioglimento di Forza Nuova. (Fanpage.it)

Provenzano, Meloni e i fasci: l'inutilità del vocabolario

La trasmissione di Raitre, Report pubblica il video di Giorgia Meloni che si faceva scortare da Castellino, leader di Forza Nuova, movimento degli scontri a Roma. Clicca qui per diventare fan della nostra pagina. (brevenews.)

Lui difficilmente andrà oltre il panettone. Per la neoeletta di FdI, che compariva nei video rubati dell'inchiesta di Fanpage come vicina a Carlo Fidanza e Jonghi Lavarini, tra saluti romani e nostalgie nere, non si esclude più un possibile passo indietro (La Repubblica)

Secondo quel voto una Repubblica dell’antipolitica è già nata, senza tanti esami del sangue su fascismi vecchi e nuovi Ripartiamo dal testuale incriminato di Provenzano: “Giorgia Meloni aveva l’occasione di tagliare i ponti col mondo vicino al neo-fascismo, anche in Fdi, ma non lo ha fatto. (L'HuffPost)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr