Caro Petrolio, Financial Times: "L'azione di Biden è fallita"

Caro Petrolio, Financial Times: L'azione di Biden è fallita
Rai News ESTERI

Oggi - secondo il prestigioso quotidiano economico britannico - la risposta negativa dei mercati: il Brent è tornato a superare gli 80 dollari a barile ed in mattinata è schizzato oltre quota 82.

Dopo i tanti appelli all'Opec+ di incrementare l'offerta, Joe Biden aveva deciso di fare da solo.

Oggi, la doccia fredda dai mercati.La Cina dal canto suo ha confermato che attingerà alle sue riserve di petrolio "in collaborazione con altri paesi, per far scendere i prezzi dell'oro nero"

Cina: "Attingeremo alle nostre riserve strategiche". (Rai News)

La notizia riportata su altri giornali

Ad annunciare l'iniziativa, dopo voci di trattative che si rincorrevano da settimane, è stato un comunicato ufficiale della Casa Bianca. Sul mercato finiranno 50 milioni di barili di greggio, di cui 32 milioni provenienti dalla Strategic Petroleum (Il Sole 24 ORE)

Non solo, ma influisce anche il fatto che gran parte della quota delle riserve interessate dall’azione congiunta verrà prelevata per essere poi restituita in seguito. È la prima volta in cui viene coinvolta anche la Cina e non coinvolge direttamente l’Agenzia internazionale per l’energia (Aie), di cui gli Stati Uniti sono membri e la Cina un’affiliata (Corriere della Sera)

Il rilascio – una combinazione di un prestito e di una vendita dalle riserve – rientra in una manovra coordinata che prevede simili rilasci dalle scorte strategiche della Cina, dell’India, della Corea del Sud, del Giappone e della Gran Bretagna, in base al comunicato della Casa Bianca (FX Empire Italy)

Petrolio: è iniziata una nuova guerra dei prezzi?

Ma la domanda esistente a livello mondiale è talmente forte che presto potrebbe rivedersi un’impennata delle quotazioni. Ma nonostante questo passaggio per alcuni analisti il prezzo del petrolio è destinato a crescere nel prossimo futuro. (Proiezioni di Borsa)

Ma non è stato coinvolto – o più probabilmente non si è lasciato coinvolgere – nell’operazione che il presidente americano Joe Biden (Il Sole 24 ORE)

In questa cornice, la prossima riunione OPEC del 2 dicembre si preannuncia cruciale, visto che già si stanno profilando possibilità di ridurre l’erogazione di greggio I prezzi del petrolio sono aumentati di oltre il 50% da inizio anno, raggiungendo massimi pluriennali con la domanda ha superato l’offerta. (Money.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr