Vaccini Covid più sicuri nella realtà che nei test: la scoperta

Vaccini Covid più sicuri nella realtà che nei test: la scoperta
Virgilio Notizie INTERNO

Come riporta ‘La Repubblica’, la conclusione a cui sono giunti i ricercatori è che la frequenza con cui i cosiddetti “eventi avversi” si verificano nella realtà è inferiore rispetto a quella che è stata registrata nei test che hanno condotto all’approvazione dei vaccini anti Covid.

Vaccini Covid più sicuri nella realtà che nei test: la scoperta Uno studio inglese ha svelato che la frequenza degli effetti indesiderati dei vaccini anti Covid è minore rispetto a quanto emerso nei test. (Virgilio Notizie)

Ne parlano anche altri giornali

Pfizer e Moderna, intanto, stanno già lavorando a un ‘aggiornamento’ dei vaccini per le varianti, ma “sembra che siano tutte coperte, chi più e chi meno”, conclude Magi Astrazeneca, Johnson & Johnson, Pfizer e Moderna: vaccini a confronto. (Dire)

Discorso più ampio per “Vaxzevria” di AstraZeneca: “La protezione – dice Aifa – inizia da circa 3 settimane dopo la somministrazione della prima dose e persiste fino a 12 settimane. Per l’altro vaccino a Rna messaggero (Moderna) i tempi raddoppiano:“dopo due settimane dalla seconda dose”. (Metropolitano.it)

Sicuramente, però, questo è un tema su cui già stiamo riflettendo perché bisognerà iniziare a pensare, specialmente per gli operatori sanitari, a una copertura successiva al vaccino”. Pfizer per esempio garantisce un’immunità di sei mesi, quindi al momento noi medici siamo ancora tutti quanti immunizzati. (emergency-live.com)

Anziana muore due giorni dopo il vaccino anti-Covid: disposta l’autopsia

Tutti e due i vaccini che si stanno sperimentando in bambini e adolescenti si basano sulla tecnica dell’Rna messaggero e a condurre gli studi sono le aziende Moderna e Pfizer/BioNTech. Sono due, entrambe in dirittura d’arrivo, le sperimentazioni dei vaccini anti Covid in corso nei bambini e negli adolescenti. (Gazzetta del Sud)

La Sicilia ha la peggiore percentuale nazionale di somministrazioni rispetto alle dosi disponibili. Sono 193.750 le dosi di vaccino anti Covid somministrate finora in provincia di Messina. Di cui 127.188 prime dosi e 66.562 seconde dosi. (Tempo Stretto)

Secondo le testale locali, dalle analisi condotte sulle salme delle due anziane non sarebbe emersa alcuna correlazione con il vaccino anti-Covid Sempre a Collepasso un’anziana 83enne era morta alcuni giorni dopo aver ricevuto la prima dose del siero prodotto da Pfizer-BioNTech. (Ck12 Giornale)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr