Morta dopo l'asportazione di un neo su un tavolo della cucina, Roberta Repetto aveva un tumore

ilmessaggero.it INTERNO

Roberta Repetto, dramma per un neo. Per la morte di una donna dopo l'asportazione di un neo sono stati condannati a tre anni e quattro mesi ciascuno il santone del centro olistico Anidra di Borzonasca (Genova) Paolo Bendinelli, e il medico bresciano Paolo Oneda. La psicologa Paola Dora invece è stata assolta. I tre erano a processo per la morte di Roberta Repetto, una donna di 40 anni uccisa dalle metastasi di un tumore dopo l'asportazione di un neo eseguita sul tavolo della cucina del centro e curata per due anni con tisane zuccherate e meditazione. (ilmessaggero.it)

Se ne è parlato anche su altre testate

Per la vicenda, sono stati condannati a tre anni e quattro mesi per omicidio colposo il santone del centro olistico, Paolo Bendinelli, e il medico Paolo Oneda. (L'Unione Sarda.it)

I tre erano imputati di omicidio volontario in concorso e il sostituto procuratore Gabriella Dotto aveva chiesto 16 per Bendinelli, 14 per Oneda e 10 per Dora. (Genova24.it)

Roberta Repetto morta dopo l'asportazione di un neo: condannato il chirurgo Paolo Oneda 23 set 2022 (IL GIORNO)

Era morta in seguito all'asportazione di un neo, ora è arrivata la sentenza per Paolo Bendinelli il santone del centro olistico Anidra a Genova e il medico bresciano Paolo Oneda, accusati dell’omicidio colposo di Roberta Repetto. (Saturno Notizie)

Il santone del centro Anidra, Paolo Bendinelli e il medico bresciano Paolo Oneda sono stati condannati a 3 anni e 4 mesi; è stata invece assolta la psicologa Paola Dora, compagna di Oneda e presente all'operazione. (La Repubblica)

Erano accusati di omicidio volontario, violenza sessuale e circonvenzione di incapace ai danni di Roberta Repetto. Morta a 40 anni per un melanoma dopo la barbara asportazione di un neo sulla schiena. (Open)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr