M5S, Conte: Carta valori contro tentazioni e derive opportunistiche

M5S, Conte: Carta valori contro tentazioni e derive opportunistiche
LaPresse INTERNO

“Questa Carta deve servire a dare forza alle idee e rendere il nuovo Movimento interprete dei vari e diffusi bisogni delle varie fasce sociali – aggiunge -, di una vocazione che Bettini ha definito trasversale, ma io preferirei popolare, che è la vena più autentica che fin qui ha caratterizzato il Movimento”

Così l’ex premier, Giuseppe Conte, a ‘Le Agorà’ di Goffredo Bettini.

(LaPresse) – “Tra i passaggi fondamentali del processo di rifondazione del M5S io ho proposto l’adozione di una Carta dei principi e dei valori, proprio per definire una identità politica, per evitare che ci possano essere tentazioni e derive opportunistiche”. (LaPresse)

Ne parlano anche altre fonti

Le accuse a Conte – Tra le accuse messe a verbale da Amara anche quella “calunniosa” ai danni di Sebastiano Ardita. Una raccomandazione che secondo Amara gli sarebbe stata fatta da Vietti, ex deputato dell’Udc e già vicepresidente del Csm. (Il Fatto Quotidiano)

Così l’ex premier, Giuseppe Conte, a ‘Le Agorà’ di Goffredo Bettini. “Il Movimento 5 Stelle ci sarà, con il suo Dna”, conclude (LaPresse)

Anche Vietti, sentito al telefono da Fittipaldi, smentisce le dichiarazioni del testimone: “escludo categoricamente di aver mai raccomandato nessuno per Acqua Marcia, non ricordo nemmeno se ho mai conosciuto Amara. (Siracusa News)

L'avvocato Amara accusa Conte: "segnalato" al Gruppo Acqua Marcia. L'ex premier: "nessuna raccomandazione, tutto lecito"

(LaPresse) – “Ancora qualche giorno e completeremo il programma di rifondazione del M5S” e “risolveremo anche delle questioni che ci consentiranno di rendere ancora più credibile il progetto, con la piattaforma digitale, chiarendo che la responsabilità politica deve essere distinta dalla gestione tecnica della piattaforma digitale”. (LaPresse)

Piero Amara, in base a un preteso diritto all’oblio. Una circostanza che non potevamo nemmeno immaginare visti i giudizi durissimi di De Benedetti proprio su Conte e i Cinque Stelle. (LA NOTIZIA)

I grillini potrebbero essere chiamati a dotarsi di un nuovo vertice allargato, cambiando lo Statuto per eleggere Conte come nuovo capo politico. Si fa strada, ad esempio, l'idea di Luigi Di Maio come principale referente del direttorio che possa interfacciarsi con l'avvocato (ilGiornale.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr