RIFORMA PENSIONI/ Capone (Ugl): Quota 41 scelta più adatta (ultime notizie)

RIFORMA PENSIONI/ Capone (Ugl): Quota 41 scelta più adatta (ultime notizie)
Il Sussidiario.net INTERNO

Il Segretario generale dell’Ugl, intervistato da MF spiega che “Quota 41 sarebbe di certo la scelta più adatta per superare la penalizzazione della Legge Fornero, che ha fissato l’età pensionabile a 67 anni per tutti.

aolo Capone ricorda che “Quota 100 ha esaurito la sua spinta propulsiva.

Con Quota 41, ovvero la possibilità di andare in pensione con 41 anni di contributi, si restituirà al lavoratore la possibilità di scegliere se andare in pensione e favorire anche il ricambio generazionale”. (Il Sussidiario.net)

Ne parlano anche altri media

Grazie. Pensione a 65 anni. Con soli 28 anni di contributi non c’è nessuna misura che permette il pensionamento. (Orizzonte Scuola)

RIFORMA PENSIONI, LE PAROLE DI ELSA FORNERO. Si sta parlando molto della nomina di Elsa Fornero tra i consulenti di palazzo Chigi. La linea sembra essere dunque quella di una flessibilità pensionistica, ma senza aggravio eccessivo per la casse dello Stato (Il Sussidiario.net)

Ne consegue così che le nuove pensioni liquidate agli uomini, secondo l’Inps, sono risultate di importo medio pari a 1.429 euro. Assegno medio scende a 1.155 euro. Fatto curioso è che l’assegno medio mensile scende a 1.155 euro per le nuove pensioni liquidate. (InvestireOggi.it)

Pensioni, le donne con 498 euro in meno rispetto agli uomini

Tutti e tre i sindacati ritengono necessario un ragionamento complessivo su tutte le riforme da fare, a partire da quella fiscale, per poter definire la riforma delle pensioni Il Segretario di Stato alla Sanità Roberto Ciavatta ha illustrato alle parti sociali la bozza di riforma delle pensioni. (San Marino Rtv)

(quindi andrò in pensione a 68 anni con 35 anni di contributi). L’accesso alla pensione è legato ad un meccanismo, introdotto dalla Legge Fornero, che prevede l’aumento dell’età pensionabile di 3 mesi ogni biennio (fino al 31 dicembre 2026 e poi di 2 mesi ogni biennio) per adeguamento all’aspettativa di vita Istat. (Orizzonte Scuola)

Sono numerose le pensioni anticipate per gli uomini: quasi 80mila per oltre 2400 euro medi. Dai dati emerge una netta differenza tra le pensioni delle donne e quelle degli uomini: le prime si ritrovano con 498 euro in meno. (Orizzonte Scuola)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr