Ue-Turchia, von der Leyen lasciata senza sedia a incontro con Erdogan: polemiche

Ue-Turchia, von der Leyen lasciata senza sedia a incontro con Erdogan: polemiche
LaPresse ESTERI

La parola “‘Ehm’ (pronunciata da von der Leyen) “è il nuovo termine per dire: non è così che dovrebbero essere le relazioni Ue-Turchia”, ha detto Sergey Lagodinsky, un altro membro del Parlamento europeo

Il trattamento riservato a una delle maggiori cariche dell'Ue non è passato inosservato. La presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen è stata lasciata senza sedia durante l’incontro ufficiale con il presidente del Consiglio europeo Charles Michel e il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, avvenuto martedì ad Ankara. (LaPresse)

Ne parlano anche altri giornali

Il divano riservatole dall’organizzazione turca dell’incontro istituzionale era identico a quello destinato al ministro degli Esteri turco, Mevlut Cavusoglu, che ha preso posto di fronte a von der Leyen. (EuropaToday)

Mamer ha precisato che l’incontro è stato organizzato dalle autorità turche, sottolineando che il protocollo per il presidente della Commissione e per quello del Consiglio Ue è identico Imbarazzo durante la visita della presidente della Commissione Ue ad Ankara. (LaPresse)

Il ministro degli Affari esteri turco, Mevlüt Çavuşoğlu, aveva inoltre partecipato al meeting della Nato dello scorso 23-24 marzo sulla strategia Nato 2030. Per l’Unione, dopo la Brexit, l’aggiornamento delle misure dell’unione doganale con la Turchia rappresenta una nuova importante sfida. (L'HuffPost)

Erdogan lascia senza sedia von der Leyen (VIDEO)

Oggi arrivano ad Ankara i presidenti di Commissione e Consiglio, Ursula von der Leyen e Charles Michel, per sondare le intenzioni di Erdogan. E’ giusto ricordare che si tratta di un contributo, dato che per questo anche il governo turco si accolla oneri molto consistenti non solo in termini di bilancio. (L'HuffPost)

Adottando quei parametri, dicono i 500 sindaci, al Mezzogiorno dovrebbe andare poco meno del 70% dei 209 miliardi. In vista della consegna a Bruxelles del Pnrr (il piano nazionale per l’utilizzo dei 209 miliardi) entro il 30 aprile, la mobilitazione si è fatta più intensa. (Corriere del Mezzogiorno)

Ma anche Charles Michel non si è alzato per far sedere von der Leyen e, al suo rientro a Bruxelles, il presidente del Consiglio europeo si è giustificato (malamente) affermando che quello fosse un incontro tra lui ed Erdogan (L'HuffPost)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr