Giovane morta in orditura, la testimonianza della madre: “Era contenta del suo lavoro, ora dobbiamo pensare al bambino” VIDEO

Giovane morta in orditura, la testimonianza della madre: “Era contenta del suo lavoro, ora dobbiamo pensare al bambino” VIDEO
Per saperne di più:
tvprato.it INTERNO

“Era contenta del suo lavoro e amava il suo bambino – l’ha ricordata la mamma Emma Marrazzo – Ha solo 5 anni ma è molto intelligente.

E di vita davanti ne aveva ancora tanta Luana, se quel macchinario ieri non l’avesse trascinata mettendo fine per sempre alla sua esistenza.

Luana viveva ad Agliana con i genitori e il figlio di 5 anni.

E l’idea che un bambino di 5 anni non potrà più rivedere la sua mamma uscita la mattina per. (tvprato.it)

Ne parlano anche altri giornali

Da ieri non mi chiede quando torna la mamma da lavoro, forse qualcosa ha capito» Da un paio di anni lavorava nell’orditura di Oste che, ironia della sorte, si chiamava proprio come lei: Orditura Luana. (Avvenire)

"Il nostro primo pensiero adesso è per il bambino di Luana, 5 anni e mezzo, ragazza madre, che amava tanto la vita. Aveva tanta voglia di lavorare per costruirsi un futuro perché era fidanzata da due anni". (Adnkronos)

Ieri sono stato tutto il pomeriggio con il padre, è rimasto a casa, cosa deve dire Un amico della famiglia di Luana D’Orazio, la 22enne morta sul lavoro a Prato è incredulo per l’accaduto. (Leggilo.org)

Luana e quel lavoro per il suo bimbo. Poi al morte atroce

La 22enne, poi, era sempre stata apprezzata per la sua incredibile voglia di vivere e il suo impegno sul lavoro. La città si stringe attorno alla famiglia di Luana, morta mentre stava svolgendo il suo lavoro come ogni giorno (Fanpage.it)

«Dovremo ricordarla bella, solare, una ragazza che amava la vita, umile. Queste sono le prime parole di Emma Marrazzo, la madre di Luana D’Orazio, la 22enne morta a Prato, uccisa da un orditoi. (Corriere Fiorentino)

Luana D'Orazio è morta a 22 anni per un tragico incidente sul lavoro. Il ricordo dei colleghi. A Mentemurolo, dove Luana lavorava in una ditta che ha il suo stesso nome, è calato il gelo (ilGiornale.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr