Gentiloni: su aumento spesa corrente sarà Italia a decidere

Gentiloni: su aumento spesa corrente sarà Italia a decidere
Per saperne di più:
Il Messaggero INTERNO

Questo è un problema - ha riferito il commissario - che il Governo italiano è ben intenzionato ad affrontare: quindi - ha concluso - sarà una decisione italiana".

"L'Italia - ha ricordato Gentiloni - è in buona forma in questa ripresa, sta affrontando bene la campagna di vaccinazione e abbiamo buone cifre per la crescita economica di quest'anno e dell'anno prossimo.

"La Commissione oggi - ha continuato - ha presentato le proprie opinioni sui bilanci approvando positivamente la proposta di bilancio italiano per diversi aspetti, ma con una osservazione critica riguardo all'aumento della spesa corrente, che va tenuto sotto controllo"

Ma, nonostante ciò, abbiamo indicato la questione dell'aumento della spesa corrente. (Il Messaggero)

Se ne è parlato anche su altri media

Gli attuali tassi d'interesse molto bassi non possono essere dati per scontato, anche per via delle prospettive di inflazione che stanno cambiando. Tra le altre cose, preserva gli investimenti a livello nazionale (Il Sole 24 ORE)

Tenendo conto della forza della ripresa, l’Italia è invitata a riesaminare regolarmente l’uso, l’efficacia e l’adeguatezza delle misure di sostegno e ad essere pronta ad adattarle, se necessario, alle mutevoli circostanze”. (L'HuffPost)

L'Italia rimane vulnerabile nel settore finanziario e sul mercato del lavoro oltre ad avere un alto tasso di disoccupazione e scarsa crescita di produttività: è questo il giudizio della Commissione Europea sul nostro Paese sul rapporto dedicato dall'Ue nel pacchetto autunnale del Semestre europeo. (il Giornale)

Bruxelles promuove la manovra di Draghi, ma occhio alla spesa

Lo ha dichiarato il commissario europeo all'Economia, Paolo Gentiloni. Ma, nonostante ciò, abbiamo indicato la questione dell'aumento della spesa corrente. (Rai News)

Per questo la Commissione «invita l'Italia ad adottare, nell'ambito del processo di bilancio nazionale, le misure necessarie per limitare la crescita della spesa corrente finanziata a livello nazionale». (La Stampa)

Nessun segno rosso sull'ossatura della legge di Bilancio inviata alle autorità comunitarie e che deve essere approvata entro dicembre. Questo disco verde non evita però a Roma di ricevere un invito alla prudenza sulla tenuta dei conti pubblici. (Sky Tg24)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr