"Appaltopoli" a Molfetta: in carcere Caputo, Castriotta e Lisena. I NOMI

Appaltopoli a Molfetta: in carcere Caputo, Castriotta e Lisena. I NOMI
Per saperne di più:
MolfettaViva INTERNO

C'è tutto questo nell'inchiesta dellache si è abbattuta comeComplessivamente gli indagati sono, di cuisono persone fisiche esocietà., invece, le misure cautelari () disposte dal giudice per le indagini preliminari del.

Il nome di spicco è quello del sindaco,, indagato per turbata libertà del procedimento di scelta del contraente: il suo nome non è tra i destinatari delleeseguite dallaI reati contestati, a vario titolo, sono quelli di turbativa d'asta, corruzione, falso, depistaggio e peculato. (MolfettaViva)

Ne parlano anche altri media

I reati sarebbero stati commessi anche durante il lockdown della primavera 2020 Secondo gli inquirenti, vi sarebbe stato un "sistema basato su accordi corruttivi tramite i quali svariati appalti pubblici del Comune di Molfetta" sarebbero stati "affidati da pubblici ufficiali" ritenuti compiacenti, ad una cerchia ristretta di imprenditori, in cambio di denaro e altre utilità. (BariToday)

Dalle prime luci dell'alba, militari della tenenza dellae dei reparti dipendenti dal Gruppo di Barletta, coadiuvati da altro personale del comando provinciale di Bari, nelle province di Bari, Barletta-Andria-Trani e Foggia, stanno eseguendo un'ordinanza - emessa dal G. (MolfettaViva)

INDAGATO ANCHE IL SINDACO - C'è anche il sindaco di Molfetta, Tommaso Minervini, tra gli indagati nell’inchiesta della Procura di Trani che oggi ha portato all’arresto di 16 persone (10 in carcere e 6 agli arresti domiciliari). (La Gazzetta del Mezzogiorno)

Appalti al Comune di Molfetta, sedici arresti per corruzione: le intercettazioni e gli incontri in auto per la consegna delle "mazzette"

Singolare il fatto che le condotte siano state poste in essere anche durante il primo lockdown nazionale. Gli elementi investigativi raccolti hanno consentito di acquisire forti elementi probatori, sulla base dei quali sono state iscritte, nel registro degli indagati, complessivamente, trentaquattro persone fisiche (MolfettaLive)

I fatti contestati risalgono agli anni 2019-2020. Tra le persone colpite dalla misura cautelare ci sarebbero dipendenti comunali e imprenditori. (BariToday)

Secondo gli investigatori, che parlano di "sistematicità delle condotte delittuose", il sistema di consegna delle tangenti sarebbe stato sempre lo stesso: l’imprenditore di turno, una volta salito a bordo dell’autovettura del funzionario arrestato, senza proferire parola, lasciava la busta con i soldi all’interno del vano portaoggetti o nelle mani del medesimo (BariToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr