Tragedia del Mottarone, il piccolo Eitan lascia l’ospedale dopo 19 giorni di ricovero

Yeslife INTERNO

Tragedia del Mottarone, il piccolo Eitan lascia l’ospedale: accompagnato a casa della zia. Questa mattina, giovedì 10 giugno, il piccolo Eitan Biran è stato dimesso dall’ospedale Regina Margherita di Torino, dove era stato ricoverato lo scorso 23 maggio.

Il bimbo di soli 5 anni è l’unico sopravvissuto della tragedia della funivia Stresa-Mottarone in cui hanno perso la vita 14 persone.

Dopo 19 giorni di ricovero, il piccolo Eitan, l’unico sopravvissuto della tragedia del Mottarone, è stato dimesso dall’ospedale dove era stato trasportato in seguito all’incidente. (Yeslife)

Su altri giornali

Questa mattina il bambino è stato dimesso dall’ospedale Regina Margherita di Torino e ha fatto ritorno in ambulanza a casa della zia Quella cabina è diventata una trappola mortale per 14 sui 15 passeggeri che si trovavano a bordo. (ilGiornale.it)

Papà Amit, mamma Tal, il fratellino Tom e i bisnonni non ci sono più. Eitan, aveva già chiesto dei suoi genitori il giorno dopo la tragedia, ma è solo da poco che ha scoperto la verità. (Prima Biella)

Lunedì mattina sono convocati nell’ufficio della procuratrice Olimpia Bossi gli attuali tre indagati: il caposervizio Gabriele Tadini, il titolare della concessione Luigi Nerini, il direttore di esercizio Enrico Perocchio (La Stampa)

Quello del piccolo EITAN il bambino di soli 5 anni unico sopravvissuto della tragedia del Mottarone. Come riportato da Il Corriere della Sera, per il momento le condizioni del piccolo Eitan migliorano anche se ancora non è possibile stabilire quando potrà lasciare l’ospedale infantile Regina Margherita di Torino. (iLMeteo.it)

Proseguirà il percorso terapeutico dal punto di vista psicologico ed effettuerà future visite di controllo. Il provvedimento va al vaglio della Settima Commissione (RSI.ch Informazione)

I bambini capiscono quasi tutto ciò che accade intorno a loro, talvolta ancora prima degli adulti. (la Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr