Bonus in busta paga per coloro che si vaccinano: scoppia la polemica

Bonus in busta paga per coloro che si vaccinano: scoppia la polemica
Tecnoandroid ECONOMIA

Proprio per questo ora i cittadini si chiedono se prossimamente sarà previsto un bonus in busta paga anche per questa categoria

Si può cifra inoltre da giorni di un bonus in busta paga per coloro che si vaccinano, soluzione che avrebbe scatenato non poche polemiche verso questa sorta di regalo che verrebbe concesso a tutti gli obiettori.

La maggior parte delle persone che quindi ha a cuore la situazione si oppone a questa sorta di bonus che viene dato in busta paga una tantum, il quale non sarebbe poi così alto. (Tecnoandroid)

La notizia riportata su altri giornali

Non solo: per evitare ritardi nel pagamento della cassa integrazione, ha chiesto un prestito per anticipare il pagamento della cassa. Un mantra che Verità ha avuto modo di concretizzare subito dopo il primo l’lockdown, quando buona parte dei suoi 16 dipendenti è stata messa, a rotazione, in cassa integrazione. (Il Piccolo)

Con Legge 104 due anni gratuiti in busta paga per assistere il familiare. Tra le tante domande poste dai Lettori, ne abbiamo raggruppato quattro comuni a tutti coloro che decidono di chiedere il congedo con Legge 104 b) come passare i permessi o il congedo Legge 104 ad un altro familiare. (Proiezioni di Borsa)

Dopo il lockdown con l’utile dell’azienda imprenditore versa ai dipendenti la differenza tra la cassa integrazione e la busta paga

Sono state migliorate alcune indennità di servizio che porteranno nelel buste paga dei lavoratori dai 25-30 euro lordi mensili della categoria A agli 80, sempre lordi, degli inquadramenti più alti. "Un’intesa positiva per i lavoratori e per il Comune, perché incentiva la produttività e definisce obiettivi condivisi di efficienza della macchina amministrativa" commenta Federico Fortin, coordinatore delle rappresentanze sindacali unitarie (UdineToday)

Non solo: per evitare ritardi nel pagamento della cassa integrazione, ha chiesto un prestito per anticipare il pagamento della cassa. E così Verità ha voluto rispettare la promessa fatta ai suoi dipendenti, utilizzandone una parte, 50 mila euro, per “pareggiare” gli stipendi (Il Messaggero Veneto)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr