Stop al virus o stop ai dati?

Stop al virus o stop ai dati?
Il Sussidiario.net INTERNO

Sta crescendo il numero di osservatori che ritengono che la diffusione giornaliera di dati sul Covid-19 generi confusione, ansia e insicurezza e sarebbe pertanto preferibile limitare la disponibilità dei dati a delle informazioni settimanali.

Qualche commentatore preoccupato va ben oltre e si chiede se con la proposta di limitare la disponibilità dei dati giornalieri si voglia coprire qualcosa (ma cosa?)

No, non sono i dati giornalieri in sé che creano ansia: semmai è la confusa e litigiosa proliferazione comunicativa che va messa sotto osservazione

Sono i dati stessi che generano l’ansia collettiva e le altre forme di disagio che abbiamo citato o è la modalità con cui avviene la loro comunicazione e diffusione che deve essere messa in discussione?

OBBLIGO VACCINALE/ I quesiti finiti sul tavolo della Corte di Giustizia Ue. (Il Sussidiario.net)

La notizia riportata su altre testate

La domanda è di stretta attualità dal momento che con la variante Omicron il concetto di contagio è mutato, così come il contesto e il profilo dei malati e dei ricoverati. I media e le istituzioni dovrebbero cambiare la modalità con cui comunicano al pubblico il bollettino quotidiano sulla COVID? (Corriere del Ticino)

So però che l’impatto del numero dei malati Covid in area medica con una modalità di conteggio diversa si ridurrebbero del 30%. Cambiare il sistema di conteggio dei dati sul Coronavirus è uno dei temi che sta facendo più discutere in queste ore. (Primonumero)

“Perché è vero che alcuni dati sono poco utili, come l’aggiornamento del totale dei positivi del quale possiamo fare a meno”, spiega Sebastiani. Un’assenza che per Sebastiani causa i problemi di accesso ai dati per chi è in grado di incrociarli e analizzarli. (Il Fatto Quotidiano)

Covid - Stop bollettino quotidiano, Giuffrida: 'Favorevole ma ad una condizione'

Il dato sugli ospedali, però, è contenuto proprio nel bollettino stesso che permette quindi di avere l’idea dell’evoluzione delle ospedalizzazioni e dei nuovi ricoverati. Il bollettino potrebbe essere quindi integrato e migliorato con informazioni di questo tipo (Sky Tg24 )

Chi è contrario all’abolizione del bollettino quotidiano. La proposta non ha però raccolto un consenso unanime. Il bollettino Covid quotidiano è diventato, soprattutto nella prima fase dell’emergenza, quasi un rito quotidiano con le conferenze stampa della Protezione civile. (Money.it)

"Il bollettino aveva un senso quando i numeri dei contagi erano elevati e soprattutto quando ai contagi corrispondeva una vera malattia da covid e quindi soggetti non soltanto positivi ma ammalati. Adesso la maggior parte dei soggetti positivi è asintomatica". (CityNow)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr