Covid: per bioeticisti l’obbligo vaccinale per i bambini sarebbe un errore

Covid: per bioeticisti l’obbligo vaccinale per i bambini sarebbe un errore
Radio Colonna SALUTE

La vaccinazione nei bambini, conclude il virologo, “è giustificata solo se se il costo imposto è sufficientemente basso e il beneficio sufficientemente grande.

Alla luce della circolazione delle varianti del virus SarsCoV2, inoltre, l’immunità di gregge non si raggiungerebbe nemmeno vaccinando i bambini”, osserva Broccolo.

La preoccupazione è riferita ai vaccini considerando che, “allo stato attuale delle conoscenze su Covid-19, immunità e vaccini, potrebbe essere sbagliato attribuire ai bambini costi e rischi”. (Radio Colonna)

La notizia riportata su altri media

A definire i destinatari della terza dose è una circolare del ministero della Salute, cui ha fatto seguito, oggi stesso, una comunicazione dell’assessorato regionale alle Politiche per la Salute che ha chiarito alle aziende sanitarie ulteriori aspetti di natura operativa. (Estense.com)

È successo a 6 pazienti al Centro Vaccinale di Camucia, in provincia di Arezzo. Fisiologica al posto del vaccino anti covid. (Gazzetta del Sud)

Anche l’Italia ha approvato la somministrazione della terza dose del vaccino anti-Covid. A partire dal 20 settembre, sarà inoculata la terza dose ai soggetti immunocompromessi. (DailyNews 24)

Vaccini. Gli esperti: antinfluenzale 15 giorni dopo terza dose anti-Covid. Fondamentale ruolo farmacie

Milano, 15 settembre 2021 – “L’indicazione è di somministrare il vaccino anti-covid a distanza di 15 giorni da quello antinfluenzale”. A suggerirlo parlando con la Dire è il virologo Fabrizio Pregliasco, docente all’Università Statale di Milano. (insalutenews)

A definire i destinatari della terza dose è una circolare del ministero della Salute, cui ha fatto seguito, oggi stesso, una comunicazione dell’assessorato regionale alle Politiche per la Salute che ha chiarito alle Aziende sanitarie ulteriori aspetti di natura operativa. (La Repubblica)

Non ci sono indicazioni di rischio per la somministrazione ravvicinata del vaccino antinfluenzale e la terza dose anti-Covid, con il consiglio però di rispettare una distanza di 15 giorni tra le due, come ha confermato il virologo, docente all'università Statale di Milano: «L'indicazione è di somministrare il vaccino anti-covid a distanza di 15 giorni da quello a influenzale». (Farmacista33)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr