Cambiano regole per bonus e superbonus | Protesta Confartigianato Sardegna | Regione

Cagliaripad ECONOMIA

La norma prevede che il credito di imposta corrispondente a superbonus, bonus ristrutturazioni, ecobonus, sismabonus e bonus facciate sia ceduto una sola volta.

La protesta di Confartigianato Sardegna, infatti, dà voce alle migliaia di imprese artigiane edili e dell’impiantistica alle prese con cantieri realizzati con il superbonus e con gli altri bonus edili che si vedono cambiate le regole nell’arco di poche ore. (Cagliaripad)

Ne parlano anche altre testate

“Il rischio è il blocco delle operazioni – continua Del Moro –, anche quelle non considerate attenzionabili o con profili patologici. La sensazione è che si genererebbe il caos, bloccando di punto in bianco l’intero settore edilizio“ (Tuscia Web)

121 del decreto Rilancio, è eliminata […]. Potrebbe interessarti anche: Nuove restrizioni in arrivo per i bonus fiscali in edilizia: il credito di imposta sarà cedibile una sola volta. (Qualenergia.it)

"Famiglie e imprese hanno necessità di programmare le proprie spese e le proprie attività - continua Boccardi - ragion per cui quello che non ci si può permettere è sommare incertezze a incertezze, l'incertezza cioè di continue modifiche normative, addirittura retroattive, alla incertezza della fase storica che stiamo vivendo a causa della pandemia. (LiberoQuotidiano.it)

Cessione del credito e Decreto Sostegni Ter – Foto di anncapictures da Pixabay. Le novità introdotte dal Decreto Sostegni Ter in merito a cessione del credito entreranno in vigore dal 7 febbraio. (Rinnovabili. (Rinnovabili)

Infine già il DL 157 del 2021 aveva previsto un’intensificazione dei controlli dell’Agenzia la quale è data la facoltà di procedere con una sospensione per 30 giorni dell’efficacia delle comunicazioni su cessioni del credito o su sconti in fattura Come ricordato in un articolo di ItaliOggi, la GdF a ridosso delle festività natalizia ha emanato la circolare n. (ilGiornale.it)

Bonus e Stretta, decisione controproducente. Quanto previsto in termini di divieto di ulteriore cessione del credito dall’ articolo 26 del Decreto cosiddetto “Sostegni Ter” è controproducente e potenziale terreno di coltura per un’importante serie di contenziosi, oltre ad essere iniquo sotto il profilo della retroattività nei confronti di contribuenti ed imprese. (Guida Finestra)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr