Covid, mai così tanti contagi dallo scorso marzo: a Trieste e Gorizia le curve si impennano

Messaggero Veneto INTERNO

Il dilagare dei contagi in questa nuova fase della pandemia è scandito da tutti gli indicatori e a questo punto – come stanno già facendo gli esperti – si deve guardare alle prossime settimane ipotizzando non soltanto l’ingresso in zona gialla, che ormai sicuramente sarà sancito venerdì dalla cabina di regia, ma anche il possibile cambio di colore in arancione o addirittura

Mai così tanti contagi in Friuli Venezia Giulia dalla fine di marzo. (Messaggero Veneto)

Su altre testate

Tutti i comuni Aiello del Friuli Amaro Ampezzo Andreis Aquileia Arba Arta Terme Artegna Arzene Attimis Aviano Azzano Decimo Bagnaria d'Arsa Barcis Basiliano Bertiolo Bicinicco Bordano Brugnera Budoia Buia Buttrio Camino al Tagliamento Campoformido Campolongo al Torre Caneva Carlino Casarsa della Delizia Cassacco Castelnovo del Friuli Castions di Strada Cavasso Nuovo Cavazzo Carnico Cercivento Cervignano del Friuli Chions Chiopris-Viscone Chiusaforte Cimolais Cividale del Friuli Claut Clauzetto Codroipo Colloredo di Monte Albano Comeglians Cordenons Cordovado Corno di Rosazzo Coseano Dignano Dogna Drenchia Enemonzo Erto e Casso Faedis Fagagna Fanna Fiume Veneto Fiumicello Flaibano Fontanafredda Forgaria nel Friuli Forni Avoltri Forni di Sopra Forni di Sotto Frisanco Gemona del Friuli Gonars Grimacco Latisana Lauco Lestizza Lignano Sabbiadoro Ligosullo Lusevera Magnano in Riviera Majano Malborghetto Valbruna Maniago Manzano Marano Lagunare Martignacco Meduno Mereto di Tomba Moggio Udinese Moimacco Montenars Montereale Valcellina Morsano al Tagliamento Mortegliano Moruzzo Muzzana del Turgnano Nimis Osoppo Ovaro Pagnacco Palazzolo dello Stella Palmanova Paluzza Pasian di Prato Pasiano di Pordenone Paularo Pavia di Udine Pinzano al Tagliamento Pocenia Polcenigo Pontebba Porcia Pordenone Porpetto Povoletto Pozzuolo del Friuli Pradamano Prata di Pordenone Prato Carnico Pravisdomini Precenicco Premariacco Preone Prepotto Pulfero Ragogna Ravascletto Raveo Reana del Rojale Remanzacco Resia Resiutta Rigolato Rive d'Arcano Rivignano Ronchis Roveredo in Piano Ruda Sacile San Daniele del Friuli San Giorgio della Richinvelda San Giorgio di Nogaro San Giovanni al Natisone San Leonardo San Martino al Tagliamento San Pietro al Natisone San Quirino San Vito al Tagliamento San Vito al Torre San Vito di Fagagna Santa Maria La Longa Sauris Savogna Sedegliano Sequals Sesto al Reghena Socchieve Spilimbergo Stregna Sutrio Taipana Talmassons Tapogliano Tarcento Tarvisio Tavagnacco Teor Terzo d'Aquileia Tolmezzo Torreano Torviscosa Tramonti di Sopra Tramonti di Sotto Trasaghis Travesio Treppo Carnico Treppo Grande Tricesimo Trivignano Udinese Udine Vajont Valvasone Varmo Venzone Verzegnis Villa Santina Villa Vicentina Visco Vito d'Asio Vivaro Zoppola Zuglio (Messaggero Veneto)

L’aumento interessa, con ampie variazioni, tutte le regioni salvo la Basilicata e trascina verso l’alto le curve sul fronte ospedaliero: i ricoveri con sintomi crescono del 15,8% (4.597 Lo rileva il monitoraggio della Fondazione Gimbe relativo alla settimana 17-23 novembre 2021, rispetto alla precedente. (La Stampa)

E tra le regioni più grandi, numeri in peggioramento in Lazio e Lombardia, con i ricoveri di pazienti Covid nei reparti ordinari saliti rispettivamente al 10 e all’11 per cento dei posti letto totali disponibili (la soglia limite per passare in giallo) La quarta ondata di COVID 19 inizia a mostrare la sua forza d’urto. (Wall Street Italia)

La zona gialla per Alto Adige e Friuli Venezia Giulia da lunedì 29 novembre non sembra assolutamente in discussione. Poi dal 6 dicembre con l'entrata in vigore del nuovo decreto cambierà molto di più nella vita quotidiana di chi ha scelto di non vaccinarsi. (Udine Today)

Ecco, sulla base degli ultimi dati aggiornati, quali sono le regioni che rischiano il passaggio in zona gialla a partire da lunedì 29 novembre. Molto dipenderà dall’evoluzione dei prossimi giorni: qualora anche il dato delle terapie intensive dovesse superare il valore del 10%, la provincia autonoma di Bolzano si ritroverebbe in zona gialla. (Investire Oggi)

E il rischio di tornare zona gialla, in Veneto, c’è. Le attività di ristorazione, svolte da qualsiasi esercizio, saranno consentite con le stesse modalità della zona bianca: servizio al tavolo solo con green pass, al bancone anche senza green pass (veronaoggi.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr