Gianni Morandi, un calice di Brunello per ripartire dopo il ricovero

Gianni Morandi, un calice di Brunello per ripartire dopo il ricovero
Corriere della Sera INTERNO

Il vino si chiama Pianrosso, dell’annata 2016, la penultima in commercio.

E per festeggiare ha stappato una bottiglia di Brunello di Montalcino.

“Ciacci Piccolomini d’Aragona è una di punta a Montalcino - ha scritto Monica Larner di Wine Advocate - e il vigneto Pianorosso è noto per la sua consistenza e la grazia costante delle sue prestazioni”

Quando è uscito sul mercato il Pianrosso 2015 è stato inserito dal critico James Suckling tra i migliori dieci vini italiani dell’anno. (Corriere della Sera)

Su altre fonti

At the top, the only wine with 100/100, is Bruno Giacosa’s Barbaresco Riserva Asili 2016, followed on the podium by Giacomo Conterno’s Barolo Riserva Monfortino 2016 and Le Ragnaie’s Brunello di Montalcino Vecchie Vigne 2015. (WineNews)

Sempre lungo la costa Toscana a Capalbio, per la prima volta, c’è stato fuoco riscaldante nelle vigne di Monteverro. Molti agricoltori fiorentini, prevedendo questa situazione, hanno trascorso la notte incendiando balle di fieno e legname per provare ad alzare le temperature nei vigneti (Corriere Fiorentino)

Discorso che calza a pennello per il Brunello di Montalcino, che arrivato sul mercato con le eccellenti e celebratissime Riserva 2015 e soprattutto annata 2016, vede correre gli ordini, almeno a giudicare dalle fascette di Stato per le bottiglie pronte alla vendita, “polverizzando i precedenti primati. (WineNews)

Toscana nel gelo, i produttori di Brunello bruciano paglia per scaldare le vigne

Nel frattempo, già nella giornata di ieri Confagricoltura Toscana aveva segnalato gli ingenti danni provocati dalle recenti gelate notturne La scorsa notte, infatti, alcuni produttori di uno dei brand più famosi e rinomati, il Brunello di Montalcino, sono stati costretti ad appiccare il fuoco a rotoli di paglia per riscaldare le viti durante la gelida notte. (il Giornale)

Montalcino (Siena), 8 aprile 2021 - La primavera non è ancora definitivamente sbocciata e negli ultimi giorni il gelo ha abbracciato buona parte dell'Italia. Inoltre la paglia brucia lentamente e abbiamo deciso di bagnarla sopra in modo da produrre più fumo con un fuoco più lento (LA NAZIONE)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr