Covid: in Usa contagi a picco. "Ecco perché in aprile il virus sparirà"

Più informazioni:
Quotidiano.net INTERNO

Seguendo, quindi, l'attuale traiettoria, ha concluso Makary, "credo che entro aprile il Covid sarà in gran parte sparito, permettendo agli americani di riprendere la vita normale"

"Si stima - ha aggiunto - che 250 milioni di dosi saranno state consegnate a circa 150 milioni di persone entro la fine di marzo".

Roma, 20 febbraio 2021 - "La pandemia da Covid sarà sparita in gran parte entro aprile". (Quotidiano.net)

Ne parlano anche altri giornali

Intervistato dalla radio Ard, Spahn ha spiegato che gli insegnanti potrebbero essere vaccinati prima del previsto Seguono(3,59),(3,13),(2,80),(2,63),(2,39),(2,22),(2.06) e(2,04).Sono, dove è salito a 2.390.928 il numero totale dei contagiati e a 67.903 quello dei decesso. (Rai News)

A livello di singole nazioni, dunque, gli Stati Uniti restano quella maggiormente colpita E, solo nelle ultime 24 ore, i nuovi casi di contagio sono stati 267.212, mentre i decessi 5.515. (Sky Tg24 )

Ancora una volta determinante è stata la sinergia tra genitori particolarmente attenti all'uso della rete e degli smartphone da parte dei giovanissimi. (Yahoo Notizie)

Covid Usa, quasi 500mila morti: più di Guerre mondiali e Vietnam

L’11 febbraio scorso Biden ha assicurato che saranno disponibili 600 milioni di dosi «entro luglio» Il New York Times osserva che non si arriva a questa somma neanche mettendo insieme i caduti dei due conflitti mondiali e della guerra in Vietnam. (Corriere della Sera)

Le regole della Community. Il Sole 24 ORE incoraggia i lettori al dibattito ed al libero scambio di opinioni sugli argomenti oggetto di discussione nei nostri articoli. Finalità del trattamento dei dati personali. (Il Sole 24 ORE)

Il giornale nota come il numero dei morti per coronavirus sia superiore a quello del totale delle vittime dei tre più grandi conflitti ai quali ha partecipato l'America messi insieme, ovvero Prima e Seconda Guerra Mondiale e guerra in Vietnam. (Adnkronos)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr