Tonfo per le borse europee per la crisi in Ucraina. L'Europa brucia 386 miliardi. Piazza Affari la peggiore

Secolo d'Italia ECONOMIA

A Piazza Affari il Ftse Mib perde il 4,02% a 25.972 punti.

Le performance peggiori sono state registrate dai titoli legati alla galassia Agnelli come Stellantis (-7,02%), CNH Industrial (-6,58%) ed Exor (-6,39%).

Piazza Affari la peggiore performance del Vecchio Continente. A Piazza Affari il Ftse Mib ha così chiuso in rosso del 4,02% a 25.972,9 punti.

Pesano inoltre i timori di una stretta della Fed che potrebbe condizionare le scelte delle altre banche centrali. (Secolo d'Italia)

Ne parlano anche altre fonti

Nuove discussioni tra consiglieri politici di Russia, Ucraina, Francia e Germania, si svolgeranno oggi a Parigi Sempre in tema di banche centrali, oggi è attesa anche la decisione di politica monetaria della Bank of Canada, che dovrebbe mantenere i tassi stabili allo 0,25%. (Yahoo Finanza)

Va avanti a pieno ritmo la stagione delle trimestrali: Oltreoceano, dopo la pubblicazione nella notte dei numeri di Microsoft, sono in calendario quelli di Tesla, domani quelli di Apple. Intanto desta preoccupazione la delicata situazione in Ucraina, con tensioni alle stelle tra Usa e Russia. (Notizie - MSN Italia)

Questo mercoledì, è migliorato grazie al sforzi di Francia e Germania per cercare una soluzione diplomatica. Il IBEX 35 è rimbalzato forte (+1,66%, fino a 8.620 punti), per la quale ha chiuso il secondo giorno consecutivo in rialzo. (Stop&Go)

el mirino i plessi che fanno parte dell'istituto comprensivo Stefano Pellegrino. Scuole marsalesi nel mirino dei vandali. Dura la presa di posizione del presidente del Consiglio comunale di Marsala, Enzo Sturano che parla di “episodi vergognosi”. (Trapani Oggi - Notizie di cronaca, politica, attualità Trapani)

I titoli legati ai viaggi sono impostati per la migliore giornata da novembre 2020 e guidano i guadagni insieme ai titoli minerari. (Tradotto da Luca Fratangelo in redazione a Danzica, in redazione a Milano Claudia Cristoferi, luca. (Investing.com)

Resta alta la preoccupazione per la situazione in Ucraina, con la tensione alle stelle tra Usa e Russia. Infine il petrolio e' stabile: il wti contratto di marzo passa di mano a 85,5 dollari al barile, in lieve calo dello 0,1% (Borsa Italiana)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr