C’è un fiume di soldi in nero che dall’Italia va alla Cina

C’è un fiume di soldi in nero che dall’Italia va alla Cina
L'Espresso ESTERI

La Guardia di finanza da giorni aveva piazzato lì delle telecamere: in quei sacchi c’è del denaro contante.

I SACCHI DI SOLDI. Questa storia inizia in corso Stati Uniti a Padova, accanto al grande centro commerciale all’ingrosso cinese.

La via della seta c’è già, ma gira all’incontrario: porta soldi sporchi, fatti in nero da una miriade di aziendine e partite Iva cinesi, dall’Italia alla Cina.

Le somme movimentate verso la Cina in questa operazione sono pari a 60 milioni di euro

Una volta accertatisi del bonifico fatto in Cina, i cinesi restituivano i soldi in contanti agli italiani. (L'Espresso)

Ne parlano anche altre testate

“La Russia, come la stragrande maggioranza degli altri paesi, considera Taiwan parte della Repubblica popolare cinese”. L’analisi di Giuseppe Gagliano. La Russia ha dichiarato inequivocabilmente la sua posizione su Taiwan: l’isola fa parte della Repubblica popolare cinese. (Startmag Web magazine)

Taiwan, importante produttore di semiconduttori, ha ripetutamente affermato che si difenderà se attaccato, ma che non “avanzerà avventatamente” e vuole mantenere lo status quo con la Cina È quanto ha affermato, secondo quanto riportano i siti internazionali, il ministro della Difesa Chiu Kuo-cheng. (LaPresse)

Taiwan: Casa Bianca, impegno Usa solidissimo, sosteniamo sua auto-difesa

“Continueremo ad assistere Taiwan per il mantenimento di una sufficiente capacità di auto-difesa”, ha aggiunto Così la portavoce della Casa Bianca Jen Psaki in conferenza stampa. (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr