Ira Mosca su Kaliningrad, 'conseguenze serie per lituani'

Più informazioni:
Tiscali Notizie INTERNO

- ROMA, 21 GIU - La Russia reagirà molto presto contro il blocco delle merci verso l'exclave di Kaliningrad e la riposta sarà "seria e avrà un impatto molto negativo sui cittadini della Lituania".

Lo afferma il segretario del Consiglio di sicurezza russo Nikolai Patrushev, in visita nell'area, secondo quanto riferiscono le agenzie russe

(Tiscali Notizie)

La notizia riportata su altri giornali

Mosca continua ad aggredire militarmente città ucraine nel tentativo di espandere il controllo sul territorio e rafforzare la propria posizione - ha aggiunto -. Mosca contesta il «blocco», lo considera «atto ostile» e minaccia «ritorsioni» con conseguenze gravi per la popolazione. (ilgazzettino.it)

In questa sorta di equilibrismo che va avanti dallo scorso 24 febbraio, tutti i timori riguardanti una possibile guerra nucleare sono ora rivolti verso la Lituania, nelle ultime ore oggetto di chiare minacce da parte della Russia (Money.it)

La questione è molto complicata, anche dal punto di vista del diritto internazionale e degli accordi internazionali vigenti. È in questo contesto che si inserisce la decisione della Lituania di imporre un blocco delle merci da e verso l’Oblast russo di Kaliningrad (RID)

Ucraina, la guerra in diretta. Blocco di Kaliningrad, Mosca minaccia la Lituania. Nato in massima allerta. Us

La storia di questo territorio schiacciato e isolato tra Lituania e Polonia, lontano dalla Russia, di cui è parte, è relativamente recente. Ma tutto è cambiato sul finire della seconda Guerra Mondiale, il territorio è stato annesso all'Urss, ha cambiato nome e la popolazione è stata sostituita. (Repubblica TV)

La crisi di Kaliningrad era già iniziata, con le sanzioni che bloccano le importazioni da cui la sua economia dipende quasi interamente. Durante l’incontro, è stata smentita l’informazione diffusa dai russi secondo cui la Lituania ha bandito il transito attraverso la regione di Kaliningrad” (QuiFinanza)

E oggi il ministero degli Esteri russo ha convocato il rappresentante dell'Unione Europea a Mosca, Markus Ederer. "C'è un periodo di transizione tra l'annuncio delle sanzioni e la loro applicazione e tra due mesi entrerà in vigore un altro pacchetto. (Adnkronos)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr