Il caso Eitan sotto la lente della procura ticinese

Il caso Eitan sotto la lente della procura ticinese
Corriere del Ticino ESTERI

Se una persona è segnalata come scomparsa o rapita nel SIS, il doganiere può impedire alla persona di lasciare la nostra Nazione».

Le indagini condotte dal procuratore pubblico Pablo Fäh sono attualmente in una fase iniziale, che comprende la raccolta informazioni anche presso l’aeroporto di Agno.

La procura sta indagando sul tragitto che il piccolo Eitan, unico sopravvissuto alla tragedia del Mottarone dello scorso 23 maggio, avrebbe fatto insieme al nonno (accusato di rapimento) sul territorio ticinese lo scorso 11 settembre. (Corriere del Ticino)

Su altre testate

Il verdetto può essere appellato da entrambe le parti e questo complica i tempi di un possibile rientro di Eitan in Italia. La sentenza potrà essere emessa tuttavia solo dopo che i legali delle parti avranno consegnato alla giudice le loro memorie conclusive. (Il Fatto Quotidiano)

Sull'incarto ticinese il Ministero pubblico entra nei particolari: la sua esistenza è stata tuttavia confermata da un portavoce alle Cronache della Svizzera italiana Nei prossimi giorni intanto è attesa la sentenza del Tribunale di Tel-Aviv, che deciderà sull'affidamento del bambino e sulle accuse di rapimento rivolte alla famiglia materna. (Ticinonline)

Caso Eitan, indaga anche la procura ticinese

Per questo, l’anziano è stato fermato ed è attualmente sotto processo nello Stato ebraico Sul caso Eitan si è ora attivata anche la procura ticinese. (Ticinonews.ch)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr