Papa Francesco: partito per Budapest, telegramma a Mattarella e al presidente croato

Papa Francesco: partito per Budapest, telegramma a Mattarella e al presidente croato
Per saperne di più:
Corriere Cesenate ESTERI

È iniziato questa mattina presto il 34° viaggio apostolico internazionale di papa Francesco che si reca a Budapest per la conclusione del 52° Congresso eucaristico internazionale e in Slovacchia.

Lasciata Casa Santa Marta, il Santo Padre si è trasferito in auto all’aeroporto di Fiumicino da dove, alle 6, a bordo di un A320 dell’Alitalia è partito alla volta di Budapest, dove atterrerà alle 7,45.

Come di consueto, nel momento di lasciare il territorio italiano, Francesco ha fatto pervenire al presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella, un telegramma in cui si legge: “Nel momento in cui mi accingo a partire per Budapest in occasione della giornata conclusiva del Congresso eucaristico internazionale, diretto poi in Slovacchia per incontrare i fratelli nella fede e gli altri abitanti di quella nazione, mi è gradito rivolgere a lei, signor presidente, e all’intero popolo italiano il mio cordiale pensiero che accompagno con auspici di serenità e di generoso impegno per il bene comune”

(Corriere Cesenate)

Ne parlano anche altri media

Risponde Orban su Facebook: «Ho chiesto a Papa Francesco di non lasciare che la Ungheria cristiana perisca». L'incontro con il premier Viktor Orban è il momento centrale della prima giornata ungherese. (ilGiornale.it)

Il Papa si trasferirà poi alla Nunziatura apostolica dove nel pomeriggio di oggi avrà due incontri: uno ecumenico e uno privato con i membri della Compagnia di Gesù KEYSTONE/EPA/LUCA ZENNARO sda-ats. Questo contenuto è stato pubblicato il 12 settembre 2021 - 15:41. (tvsvizzera.it)

Lo dice Papa Francesco incontrando i rappresentanti del Consiglio Ecumenico delle Chiese e alcune comunità ebraiche dell’Ungheria nel museo delle Belle arti di Budapest. Penso alla minaccia dell’antisemitismo, che ancora serpeggia in Europa e altrove. (LaPresse)

L'ammonimento di Papa Francesco sull'antisemitismo, una «minaccia che serpeggia ancora in Europa»

Se poi Il Papa va a scattarsi selfie con lui e non condanna quelle leggi contro l'umanità, il risultato diventa scontato (Gayburg)

Lo dice il Papa a Budapest, incontrando il Consiglio ecumenico delle Chiese e alcune Comunità ebraiche dell’Ungheria. E impegnarci a promuovere insieme una educazione alla fraternità, così che i rigurgiti di odio che vogliono distruggerla non prevalgano. (ReggioSera.it)

Alle 15.30 il Santo Padre è arrivato in Slovacchia, dove resterà fino a mercoledì «Il sentimento religioso è la linfa di questa nazione, tanto attaccata alle sue radici. (Ticinonline)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr