Norvegia, per ora il killer di Kongsberg non va in carcere: è stato affidato ai servizi sanitari

Open ESTERI

Prima della decisione del giudice, il pubblico ministero Ann Iren Svane Mathiassen aveva detto che la detenzione dell’attentatore – che ha ammesso di avere ucciso cinque persone mercoledì nel sud-est del Paese – sarebbe avvenuta in un ambiente medico, dato lo stato di salute del sospettato, Espen Andersen Brathen.

Per l’autore della strage di Kongsberg, in Norvegia, è stata disposta la custodia cautelare in una struttura medica. (Open)

Ne parlano anche altri giornali

Sui social però molti mettono in guardia sulla reale identità dell’uomo indicato con quel nome perché potrebbe trattarsi di una fake news: solo quando la polizia diffonderà ufficialmente il nome si potrà sapere di più. (Ck12 Giornale)

È un danese 37enne l’uomo che ieri armato di arco e frecce ha ucciso cinque persone, ferendone altre due, a Kongsberg, a 70 chilometri a sud di Oslo, in Norvegia, seminando il panico tra la popolazione. (Il Fatto Quotidiano)

Non è esclusa l'ipotesi di un atto terroristico esteri. Armato di arco e frecce ieri pomeriggio l'uomo ha ucciso 5 persone e ferito altre due, a Kongsberg, prima di essere fermato dalla polizia. (TG La7)

Ma Brathen era anche stato condannato per furto con scasso e acquisto di piccole quantità di hashish nel 2012 «Nelle prime due settimane l’uomo non potrà ricevere visite o avere accesso ai media», ha specificato ancora la procura. (Corriere della Sera)

Di nazionalità danese, ha vissuto sempre a Kongsberg ed era noto agli inquirenti. Il 13 ottobre Espen Andersen Brathen, 37 anni, ha ucciso cinque persone e ne ha ferite altre due a Kongsberg, vicino a Oslo, in Norvegia (Corriere TV)

«Ma le indagini determineranno con maggiore chiarezza quali sono state le motivazioni», si legge in un comunicato dei servizi di sicurezza. Alcuni media norvegesi riferiscono di un video postato in rete nel 2017 dal killer di Kongsberg, Espen, in cui dichiara, con toni epici e deliranti, di essere musulmano (Il Giornale di Vicenza)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr