La Cina si prepara al collasso di Evergrande

Corriere del Ticino ECONOMIA

Lo riporta di Wall Street Journal, citando fonti al corrente dei piani.

Pechino, riluttante a salvare lo sviluppatore immobiliare più indebitato del Paese e del mondo per 305 miliardi di dollari, ha chiesto ai funzionari locali in tutto il Paese di prepararsi a una «possibile tempesta».

La Cina si prepara al collasso di Evergrande.

Il gruppo immobiliare ha un coupon da 83,5 milioni di dollari in scadenza oggi, con 30 giorni di tolleranza per effettuare il pagamento prima dello stato di insolvenza

Le autorità cinesi hanno chiesto ai governi locali di prepararsi alla potenziale caduta di Evergrande, secondo funzionari che hanno familiarità con la questione, segnalando la riluttanza di Pechino a salvare il gruppo immobiliare, mentre si preparano a qualsiasi ricaduta economica e sociale dell’azienda. (Corriere del Ticino)

Se ne è parlato anche su altri media

Sarai automaticamente diretto al link in cinque secondi Accedendo a questo link, Borsa Italiana non intende sollecitare acquisti o offerte in alcun paese da parte di nessuno. (Borsa Italiana)

Il sistema calcolerà l'istante esatto e aggiornerà i link da condividere con la tua scelta Condividi. Inizia. Puoi selezionare il secondo di avvio del contenuto che vuoi condividere. (Radio Radicale)

In una nota, il presidente e fondatore Hui Ka Yan ha assicurato che «l’azienda farà del suo meglio per riprendere lavoro e produzione», esortando «i dirigenti a garantire consegne di qualità». Dopo l’impennata intraday del 32%, Evergrande sale a un’ora dalla fine degli scambi del 17,72%, accusando una perdita da inizio anno di oltre l’80% (Corriere del Ticino)

Riteniamo che il governo cinese abbia, in ogni caso, le capacità per intervenire qualora questo si rivelasse necessario. I mercati finanziari sono stati questa settimana un po’ in agitazione per Evergrande, società immobiliare cinese, esplosa sulla cresta del boom del Dragone. (lamiafinanza)

E il titolo guadagna il 10%. «L’azienda farà del suo meglio per riprendere lavoro e produzione». «Evergrande non è un campanello di allarme per gli Stati Uniti, dove i default delle aziende sul debito sono a livello molto basso» ha concluso Powell (Il Mattino di Padova)

Pechino ha chiesto di mettere in preventivo un possibile intervento solo in extremis e nel caso divenga chiaro che Evergrande non è in grado di pilotare un’uscita ordinata dalla crisi. La disposizione è valida per un anno a far data da adesso. (Notizie - MSN Italia)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr