Di Maio: stop fondi a Tunisia, prima risposte su sbarchi

Di Maio: stop fondi a Tunisia, prima risposte su sbarchi
Rai News Rai News (Interno)

"Siamo tutti perfettamente consapevoli - ha proseguito Di Maio - dell'importanza della cooperazione per lo sviluppo verso alcuni Paesi, anche al fine di prevenire flussi migratori incontrollati, ma in questa fase in cui a Tunisi, che ricordo essere un porto sicuro, stiamo avanzando chiarimenti circa l'incremento degli sbarchi verso l'Italia è bene avere un approccio a 360 gradi.

Se ne è parlato anche su altri giornali

L’Italia non potrà sostenere tutti gli arrivi che in questo momento vediamo sulle coste italiane o che vedremo successivamente". I continui sbarchi che stanno minando la tenuta del Paese non vanno giù all'ex leader del Movimento 5 Stelle. (Liberoquotidiano.it)

Insomma a un anno dalla stupefacente crisi di governo del 2019 possiamo dire che l’incapacità di Salvini e Di Maio di mettersi d’accordo ha prodotto due vincitori (Conte e il PD) e due sconfitti (i medesimi Salvini e Di Maio, pur con diversa “gradazione”). (L'HuffPost)

Vale per chi ha diritto alla protezione internazionale così come per chiunque altro“, esordisce Luigi Di Maio nella sua intervista al Corriere della Sera. Di Maio, “Le autorità tunisine mettano fuori uso barchini e gommoni”. (News Mondo)

I 6 punti del piano migranti di Di Maio. Si gioca molto Di Maio della sua reputazione da ministro degli Esteri sulla crisi migranti e sulla gestione dei tunisini in arrivo costante da giorni. Lo ha presentato sulla sua pagina Facebook e annunciato in varie interviste rilasciate in questi giorni infuocati sul tema sbarchi e rischio sanitario. (Money.it)

"Non servono gli slogan o le urla" ma un nuovo accordo con la Tunisia che fermi gli sbarchi, "a rischio di una nuova ondata". L'intesa con Tunisi deve prevedere al primo punto la necessità di "prevenire e non gestire. (Gazzetta del Sud)

Come si fa a far processare Salvini quando si condivide il governo con i 5 stelle che avevano e hanno le stesse posizioni? Del resto è difficile pensare che i Cinque stelle siano diversi da quelli che un anno fa erano pappa e ciccia con la Lega. (Il Riformista)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr