Golpe in Birmania, morta la giovane manifestante dopo una settimana di agonia

IL GIORNO ESTERI

Molte aziende straniere hanno già interrotto i legami con i militari, e si prevede un brusco calo degli investimenti stranieri

E' morta la ragazza di 19 anni raggiunta da un proiettile durante le proteste in Myanmar.

Mya Thwet Thwet Khine si è spenta oggi in ospedale, non aveva speranza.

Il messaggio. Poh-Poh, sorella di Mya Thwate Thwate Khaing, ha invitato i birmani a unirsi alla protesta per sconfiggere la giunta golpista. (IL GIORNO)

Ne parlano anche altre testate

Ieri erano stati uccisi due manifestanti anti-golpe a Mandalay. Facebook ha chiuso la pagina dell'esercito birmano (conosciuto col nome ufficiale di Tatmadaw) per aver violato le regole della piattaforma, che proibiscono l'incitamento alla violenza. (La Stampa)

Dipendenti statali si rifiutano di lavorare, automobilisti rallentano apposta veicoli militari, hacker prendono di mira le aziende controllate dall’esercito, e dimostrazioni vengono organizzate in poco tempo grazie al tam tam dei social media. (Corriere del Ticino)

Già una settimana fa Facebook aveva deciso di limitare “i post dei militari golpisti”, accusati di fare disinformazione . E oggi il social network interviene in modo ancora più radicale chiudendo l’account gestito dall’ esercito della Birmania, mentre prosegue la repressione nei confronti dei manifestanti che ieri ha portato alla morte di due persone (Il Fatto Quotidiano)

Everyone has a right to peaceful assembly. — António Guterres (@antonioguterres) February 21, 2021. (Ticinonline)

Nel capoluogo la voce e la protesta di commercianti, ristoratori, albergatori, sciatori e i maestri alla presenza del governatore piemontese Cirio. (LaPresse)

Soprattutto si attende una presa di posizione della Cina, da cinquant’anni maggior partner economico del Myanmar, che al momento sta tenendo le distanze anch’essa”. Ci sono delle voci ma non le abbiamo potute verificare, così come ci sono voci che dalla Cina sono arrivate armi (Il Sussidiario.net)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr