MotoGP, GP Thailandia cancellato a causa del Covid

MotoGP, GP Thailandia cancellato a causa del Covid
Sky Sport SPORT

Al momento è allo studio un circuito in sostituzione ed eventuali aggiornamenti verranno pubblicati non appena disponibili" così si legge nel comunicato ufficiale

Al momento si sta ancora valutando di inserire un altro circuito nel calendario. Quest'anno la MotoGP non correrà in Thailandia.

L'ufficialità nel comunicato di Dorna, Fim e Irta.

Il GP di Thailandia, in programma dal 15 al 17 ottobre, è stato cancellato a causa del Covid-19. (Sky Sport)

Ne parlano anche altre testate

La possibile cancellazione della corsa di Buriram era nell’aria già da qualche tempo, ma ora è giunta l’ufficialità: il Gran Premio di Thailandia programmato per il fine settimana del 15-17 ottobre è stato annullato. (FormulaPassion.it)

Il Gran Premio del Canada. Quel sabato 30 settembre 1967 va in scena questo storico evento Ma non è il solo: tra le visite nel continente americano c’è anche un Gran Premio del Canada sull’allora Mosport Park, attualmente Canadian Tire Motorsport Park. (Corse di Moto)

La tappa australiana è stata sostituita con un secondo GP a Portimao, dove si è già gareggiato in aprile. (Corse di Moto)

MotoGp, torna l'incubo Covid: cancellato il Gp della Thailandia

Il calendario si riduce a 18 gare con le due doppiette di Losail ed il Red Bull Ring. Il FIM MotoGP World Championship non vede l'ora di tornare a correre davanti alla folla incredibilmente appassionata di Buriram nel 2022. (GPOne.com)

Per il momento la MotoGp è in pausa, con l’ultima gara corsa in Olanda ad Assen e il campionato che riprenderà il weekend del 6 – 8 agosto con il GP di Styria. Tra le più accreditate quelle di tenere una doppia gara in Malesia con il GP previsto il 22 e 24 ottobre una settimana dopo l’appuntamento di Buriram. (Virgilio Sport)

L'incubo Covid continua a colpire il circo delle MotoGp. Si sta prendendo in considerazione la possibilità di disputare un GP in sostituzione dell'evento che non si terrà in Thailandia. (la Repubblica)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr