Inchiesta 'ndrangheta, Giani: "La Regione sarà parte offesa nel processo, cancellare l'emendamento concerie"

Inchiesta 'ndrangheta, Giani: La Regione sarà parte offesa nel processo, cancellare l'emendamento concerie
La Repubblica Firenze.it INTERNO

Lo ha detto il presidente della Regione Toscana Eugenio Giani intervenendo in Consiglio regionale sull'inchiesta delle Dda di Firenze.

Mi auguro sinceramente che Ledo Gori abbia la possibilità di chiarire la propria posizione e l'estraneità ai reati contestati"

"In sostanza - ha aggiunto Giani - la norma introdotta con l'emendamento non ha avuto applicazione pratica, quindi tanto vale abrogarla". (La Repubblica Firenze.it)

Su altri media

Dovrebbe essere prevista la deroga a favore di farmacie, di parafarmacie, di rivendite di giornali, di tabacchi e di piante e fiori. (Corriere Fiorentino)

E' in corso di elaborazione un'ordinanza a firma del presidente Eugenio Giani sulle chiusure della media e grande distribuzione e dei centri commericiali in vista della ricorrenza della festa del Primo maggio. (La Repubblica Firenze.it)

I nuovi casi di Coronavirus registrati in Toscana nelle 24 ore sono 1.052 su 27.189 test effettuati di cui 14.194 tamponi molecolari e 12.995 test rapidi. Il tasso dei nuovi positivi è 3,87% (9,9% sulle prime diagnosi). (La Repubblica Firenze.it)

Ordinanza di Giani: supermercati e centri commerciali chiusi il Primo maggio

Prevista inoltre la facoltà per gli esercizi chiusi, nel rispetto delle misure anti Covid attuali, di effettuare la sola consegna a domicilio dei generi alimentari e dei beni di prima necessità, previa esclusivamente prenotazione on-line o telefonica e non presso l’esercizio commerciale. (PisaToday)

Chiudi questa finestra e acconsenti ai cookie su questo sito Acconsento. Modalità del trattamento. Il trattamento dei dati personali avverrà nel pieno rispetto dei principi di riservatezza, correttezza, necessità, pertinenza, liceità e trasparenza imposti dal GDPR. (amiatanews.it)

Le disposizioni di chiusura non si applicano agli esercizi di vicinato – di cui all’articolo 13, comma 1 lettera d della legge regionale 62/2018 (relativo ai negozi sotto i 300 mq) – e agli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande – quali bar, ristoranti e pub – e alle attività artigiane – quali pizzerie, rosticcerie, panifici, pasticcerie, negozi di pasta fresca, gelaterie e simili – che possono svolgere la loro attività secondo le modalità e gli orari consentiti dalla normativa statale. (IlGiunco.net)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr