"Sotto Scacco": droga, pizzo e truffe all'Inps, 40 misure cautelari

Per saperne di più:
Quotidiano online INTERNO

Tra gli affari illegali infatti, i militari hanno scoperto che i boss si avvalevano di imprenditori conniventi e organizzavano truffe all’Inps per percepire l’indennità di disoccupazione.

Le indagini hanno consentito di ricostruire gli organigrammi dei gruppi mafiosi Assinnata, Alleruzzo e Amantea localizzati nella provincia etnea, in particolare nei comuni di Paterno’ e Belpasso.

Nel corso delle indagini è stato anche documentato un ulteriore canale di finanziamento delle casse del clan: l’indebita percezione dell’indennità di disoccupazione agricola

Individuate le varie attività illecite dal fiorente traffico di stupefacenti, in particolare marjuana e cocaina, alle estorsioni, al riciclaggio, alla ricettazione e una situazione di grave condizionamento del tessuto economico locale. (Quotidiano online)

Se ne è parlato anche su altri media

La richiesta di tangente non andò a buon fine per il clan per il deciso rifiuto della vittima a pagare – Quaranta persone arrestate, dieci delle quali poste ai domiciliari, e tre gruppi criminali legati a Cosa nostra di Catania disarticolati. (lasiciliaweb | Notizie di Sicilia)

Tra gli altri, il titolare di una ditta di commercio di prodotti ortofrutticoli il quale, versando una percentuale degli utili di impresa ai vertici mafiosi e consentendo agli stessi di concludere affari occultamente, otteneva la loro protezione per imporsi alla concorrenza e per gestire eventuali problemi con i creditori. (Siracusa News)

Ai domiciliari sono stati, invece, posti Pasqualino Malandrino (Siracusa, 30 anni) e Sebastiano Saraceno (Siracusa, 56 anni) I territori interessati dall’operazione sono quelli di Catania, Siracusa, Bologna, Cosenza. (SiracusaOggi.it)

Droga, estorsioni e truffe ai danni dell'Inps: blitz dei carabinieri

Secondo l'accusa, gestivano un fiorente traffico di stupefacenti, in particolare marjuana e cocaina, ma anche estorsioni, riciclaggio, ricettazione e avrebbero creato una situazione «di grave condizionamento del tessuto economico locale» (MeridioNews - Edizione Catania)

Tra gli affari illegali, i militari dell’arma hanno scoperto che i boss si avvalevano di imprenditori conniventi e organizzavano truffe all’Inps per percepire l’indennita’ di disoccupazione. Il blitz e’ scattato all’alba simultaneamente nelle provincie di Catania, Siracusa, Cosenza e Bologna: 40 le persone raggiunte dal provvedimento del gip, richiesto dalla direzione distrettuale antimafia di Catania. (Grandangolo Agrigento)

Gruppi legati a Cosa nostra sono stati disarticolati da un'operazione dei carabinieri del comando provinciale di Catania con l'esecuzione di un'ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 40 persone nel capoluogo etneo, a Siracusa, Cosenza e Bologna. (CataniaToday)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr