Proroga IRAP: il CdM rinvia al 30 novembre la regolarizzazione saldo 2019 e acconto 2020

Fiscoetasse ECONOMIA

La proroga del termine in scadenza al 30 settembre si rende necessaria poiché la decisione della Commissione Europea sull'estensione delle nuove soglie del Quadro Temporaneo agli aiuti già autorizzati non sarà adottata entro tale termine.

Il termine per il deposito passa dal 30 settembre al 31 ottobre 2021

Proroga Irap al 30 novembre 2021. Il decreto legge rinvia al 30 novembre 2021 il termine per la regolarizzazione del versamento relativo al saldo Irap 2019 ed al primo acconto Irap 2020. (Fiscoetasse)

Ne parlano anche altri media

Continuerà infatti a costituire in ogni caso presupposto di imposta l’attività esercitata dalle società e dagli enti, compresi gli organi e le amministrazioni dello Stato C’è anche la proroga Irap tra le disposizioni urgenti approvate dal Consiglio dei Ministri, mercoledì 29 settembre 2021, attraverso la Nota di aggiornamento del Documento di economia e finanza (NADEF) 2021. (QuiFinanza)

Di conseguenza, la Commissione ha autorizzato una serie di progetti relativi ad aiuti di Stato, notificati da diversi Stati membri. Per evitare ulteriori aggravi, è stato comunque stabilito che il versamento avviene senza applicazione di sanzioni e interessi (Ipsoa)

Nel decreto fiscale collegato alla manovra (in arrivo nei prossimi giorni), invece, ci saranno gli interventi per diluire gli arretrati dovuti per le cartelle sospese dall’8 marzo 2020 al 31 agosto 2021. (Il Sole 24 ORE)

Dopo la proroga prevista prima dal decreto Ristori e successivamente dal decreto Sostegni, il nuovo provvedimento del Governo punta dunque a differire ulteriormente il termine ultimo di pagamento. La decisione rientra nel più ampio quadro dell’approvazione del decreto legge contenente norme di giustizia e proroga della scadenza anche per la domanda di assegno unico e per il referendum cannabis. (Il Fatto Quotidiano)

Consiglio dei Ministri, quello di oggi, particolarmente atteso, chiamato a dare semaforo verde allaNaDEF (Nota di aggiornamento al DEF). Si potrebbe eventualmente anticipare un intervento sul cuneo fiscale, se non andrà in delega perchè da una parte o dall’altra lo metteremo” (QuiFinanza)

In particolare, è stato chiesto se il saldo IRAP 2019, che poteva fruire dell’esonero dal versamento disposto dall’art. La mancata compilazione del quadro IS nella dichiarazione IRAP relativa al periodo d’imposta 2019 può, tuttavia, essere regolarizzata mediante presentazione di una dichiarazione integrativa, versando per l’errore commesso la sanzione di cui all’art (Ipsoa)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr