Discarica abusiva a Rovellasca, operazione congiunta di carabinieri e guardia di finanza

Discarica abusiva a Rovellasca, operazione congiunta di carabinieri e guardia di finanza
Approfondimenti:
Espansione TV ECONOMIA

Sarebbero stati sversati abusivamente 16.500 metri cubi di rifiuti speciali non pericolosi prodotti in cantieri edili della Lombardia, che, secondo l’accusa venivano triturati in un impianto sprovvisto di autorizzazione e rivenduti come materiale da costruzione privo delle prescritte certificazioni

Le forze dell’ordine hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di quattro persone, due agli arresti domiciliari, un obbligo di dimora e un obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. (Espansione TV)

Su altri media

Dentro al capannone, secondo l’ordinanza, ci sono 72 tonnellate di «rifiuti abbandonati di varia natura tra cui tessili, cascami di pellami in Wet Blue (un prodotto della pre concia ottenuto con un processo chimico, ndr. (La Gazzetta di Mantova)

Roma, 13 ott. (LaPresse) -. (LaPresse)

Anche il campo sportivo di Cislago, appena inaugurato dopo anni di attesa, è al centro dell’indagine della Guardia di Finanza, del Gruppo Forestale di Como e dei carabinieri della compagnia di Cantù denominata “Terre Fantasma”, nei confronti di quattro persone, due finite agli arresti domiciliari e due con restrizioni personali (obbligo di residenza e obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria). (Varesenews)

Mantova, discarica abusiva in un capannone: sequestrate 72 tonnellate di rifiuti

L’ex vicesindaco avrebbe garantito la prosecuzione delle attività illecite e in cambio avrebbe ottenuto lavori e scavi gratuiti nella sua abitazione (Corriere della Sera)

A Bolzano si è svolta l’ormai tradizionale iniziativa ecologica che vede protagonisti, già da qualche anno, i volontari dell’associazione ambientalista. In questo caso, una ventina i partecipanti che si sono ritrovati poco prima delle 10 al parco Petrarca. (Alto Adige)

Da Rovellasca rifiuti speciali in tutto il territorio. Le attività, sin dalle prime fasi investigative, che hanno avuto inizio nel novembre 2018, hanno riguardato un sito di frantumazione rifiuti edili, operante nel Comune di Rovellasca (CO), dove erano stati sversati, abusivamente, circa 16.500 metri cubi di rifiuti speciali non pericolosi prodotti presso cantieri edili di diverse province lombarde, che venivano ivi triturati in un impianto, peraltro sprovvisto di autorizzazione e rivenduti come materiale da costruzione privo delle prescritte certificazioni. (Prima Saronno)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr