Discoteche e locali pronti al via. Probabile start a luglio, green pass per entrare e mascherina obbligatoria ma solo fuori dalla pista

Discoteche e locali pronti al via. Probabile start a luglio, green pass per entrare e mascherina obbligatoria ma solo fuori dalla pista
corriereadriatico.it INTERNO

Si ipotizza anche il mantenimento della mascherina almeno in una prima fase, escludendo però il momento del ballo.

Proposte senz’altro valide e interessanti che saranno valutate ed eventualmente messe all’attenzione del Consiglio e della giunta»

La seconda proposta è invece relativa alla possibilità di stabilizzare il personale con contratti di lavoro a tempo indeterminato.

Linee guida che già i rappresentanti dei gestori avevano avuto modo di presentare al governo nell’estremo tentativo di salvare la stagione estiva prima possibile. (corriereadriatico.it)

Se ne è parlato anche su altre testate

Si spera in minori restrizioni mentre fra i gestori ciascuno cerca di resistere a proprio modo. A Trieste il Deus è ripartito con la sola ristorazione mentre aspetta anche l'invernale Mandracchio che dovrebbe riprendere a settembre. (TGR – Rai)

Un nuovo protocollo sarà presentato entro un paio di giorni al Cts affinché sia valutato in breve tempo. Al momento proseguono comunque in massa le prenotazioni dei ragazzi, che puntano al green pass. (Giornale di Sicilia)

ECCO IL COMUNICATO UFFICIALE Silb – Fipe. Il nostro Presidente Maurizio Pasca: “ , ̀ . 1 ̀.”. Quindi ripartire a luglio in zona bianca con il green pass, ma con eventuali differenziazioni tra esterno o interno. (Milanoevents.it)

Discoteche, accesso col green pass. Resta il nodo mascherine

Una corsa a vaccinarsi che un po' preoccupa gli esperti, poiché accresce il rischio di trombosi ed effetti avversi Tantissimi i ragazzi, soprattutto ventenni, che si sono prenotati alle giornate aperte a tutti con Astrazeneca, puntando alla conquista del Green Pass, che quest'estate consentirà di viaggiare e forse anche di tornare a ballare in discoteca. (ilmessaggero.it)

In larga parte figure a chiamata, rimaste fuori dalla cassa integrazione e da altre forme di sostegno al reddito. Un settore che ha patito più di altri la pandemia, dal valore di circa 2 miliardi di euro di fatturato e che occupa 100mila addetti. (Il Messaggero Veneto)

Unica certezza il green pass Ma, appunto, fin quando non si esprimeranno i tecnici e il ministro della Salute, il green pass che riserva l’accesso a vaccinati, guariti o “tamponati”, è l’unica certezza Una data certa per la riapertura Al leader del Carroccio, Pasca ha riepilogato le richieste avanzate in questa settimana. (Corriere della Sera)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr