Taranto, 75enne uccide la compagna con un taglierino e tenta il suicidio. È in stato di fermo

Taranto, 75enne uccide la compagna con un taglierino e tenta il suicidio. È in stato di fermo
Il Fatto Quotidiano INTERNO

È successo in mattinata – verso le 9.00 – a Manduria, in provincia di Taranto.

Ai carabinieri, già allertati dai vicini di casa, ha confessato al telefono di aver ucciso la compagna e di avere intenzione di suicidarsi

Ha ucciso la compagna con un taglierino e poi ha rivolto l’arma verso di sé.

Successivamente è stato ricoverato all’ospedale Giannuzzi, dove gli sono state medicate le ferite auto inferte, e ora è sorvegliato in stato di fermo. (Il Fatto Quotidiano)

Ne parlano anche altri giornali

Al termine del folle gesto l’uomo, con la stessa arma usata per commettere l'omicidio, si era autoinferto vari tagli agli arti superiori ed al collo, senza tuttavia procurarsi gravi lesioni. Sono in corso ulteriori accertamenti finalizzati a risalire al possibile movente e all’esatta dinamica dell’accaduto (La Voce di Manduria)

Dovremmo chiederci, invece, ogni volta che viene perpetrato un femminicidio il perché. Troverai un’equipe di professioniste, tutte donne, che ti ascolteranno, ti crederanno, ti offriranno sostegno psicologico, assistenza legale e sociale, in modo totalmente gratuito e nella più assoluta riservatezza. (La Voce di Manduria)

Al termine, l’uomo si era procurato vari tagli agli arti superiori e al collo, senza tuttavia procurarsi gravi lesioni. Nello specifico, la donna era stata raggiunta da diversi fendenti sferrati con un grosso taglierino al volto, al collo, al torace e agli arti superiori. (LecceSette)

L'Under 20 pareggia con il Portogallo - Rai Sport

E per Giuseppa Loredana Dinoi non c’è stato scampo. È stato accompagnato al pronto soccorso dell’ospedale Giannuzzi per le prime cure mediche, poi è stato portato in carcere, a Taranto, su disposizione del pm di turno. (La Stampa)

Agli inizi degli anni Novanta venne poi accusato di reati di mafia contro cui si è sempre dichiarato innocente dicendosi vittima di un errore giudiziario. In questo periodo la settantunenne uccisa, evidentemente impietosita dalle condizioni di indigenza dell’ex imprenditore, aveva deciso di dargli ospitalità nel suo appartamento popolare. (La Voce di Manduria)

L'Italia ha fatto girare palla bene, ma è mancata negli ultimi metri e si è dovuta accontentare del pareggio. La gara si accende proprio a pochi istanti dall'intervallo, quando Tongya trova la fiammata che porta avanti gli azzurrini. (Rai Sport)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr