Uccisione Attanasio e Iacovacci, il Congo invia un emissario in Italia. Fdlr nega il coinvolgimento

Uccisione Attanasio e Iacovacci, il Congo invia un emissario in Italia. Fdlr nega il coinvolgimento
Gazzetta del Sud ESTERI

Lo ha dichiarato del gruppo ribelle che peraltro aveva già negato di aver compiuto un attacco che gli viene comunemente ascritto, quello nell’aprile scorso in cui morino 17 persone tra cui 12 rangers del parco nazionale Virunga.

Il capo di Stato congolese Félix Antoine Tshisekedi, nel frattempo, ha deciso di inviare oggi a Roma un suo emissario per portare una lettera personale al presidente del Consiglio italiano Mario Draghi (Gazzetta del Sud)

La notizia riportata su altre testate

È durata un’ora l’agonia dell’ambasciatore italiano Attanasio: "quest’ultimo è morto per le ferite, un’ora più tardi, all’ospedale della Monusco di Goma", precisa il comunicato della presidenza congolese. (Giornale di Sicilia)

Che trasportava anche l’ambasciatore italiano in Congo Luca Attanasio e il carabiniere Vittorio Iacovacci. Difficilmente si scoprirà cosa si nasconde veramente dietro l’agguato teso al convoglio del World Food Programme. (Il Manifesto)

La nostra vicinanza all'Italia e alle famiglie di Luca Attanasio e di tutte le vittime in questo momento triste" "Ci siamo già attivati per riportare i corpi" dell’ambasciatore italiano in Congo, Luca Attanasio, e del carabiniere Vittorio Iacovacci, "in Italia il prima possibile". (Rai News)

Attacco in Congo, ricostruzione dell'Intelligence • Imola Oggi

Massima apprensione della Farnesina che sta seguendo gli sviluppi Attanasio - secondo quanto apprende l'ANSA - è stato trasportato in ospedale a Goma. (Tiscali.it)

I magistrati capitolini, che hanno competenza per i reati commessi all’estero e che hanno come vittime cittadini italiani, hanno delegato le indagini ai carabinieri del Ros (Avvenire). Dopo altri incarichi tra cui uno a Berna, in Svizzera, dal 2017 viene nominato capo missione a Kinshasa, nel Congo (Aleteia IT)

Nell’aprile del 2020 circa 60 membri del gruppo attaccarono una pattuglia dell’Istituto congolese per la conservazione della natura provocando 17 morti, di cui 12 ranger Il governo locale aveva autorizzato il movimento senza scorta del convoglio del World Food Programme (WFp), di cui faceva parte l’ambasciatore italiano a Kinshasa, dicono ancora all’Adnkronos fonti di intelligence a proposito dell’attacco in Congo. (Imola Oggi)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr