Giro delle Fiandre 2021: Asgreen beffa Van Der Poel. Classifica e ordine d'arrivo

Quotidiano.net SPORT

Quest'ultimo fatica parecchio sulle prime rampe del Kruisberg (2,5 km con una pendenza media del 5% di pendenza media e massima del 9%): proprio questo muro cambia la morfologia della testa della corsa, composta ora da Asgreen, Van Aert e Van Der Poel.

Per vedere i primi movimenti nel plotone principale bisogna aspettare il Marlbouroughstraat: il primo big a scattare è Soren Kragh Andersen (Team DSM), imitato poi da Yves Lampaert (Deceuninck-Quick Step). (Quotidiano.net)

Ne parlano anche altri media

La classica belga si è accesa ad una cinquantina di chilometri dal traguardo, quando diversi corridori hanno tentato di scappare. La 105a edizione del Giro delle Fiandre, corsa per 254,3km tra Anversa e Oudenaarde, è stata vinta dal danese Kasper Asgreen che in volata ha battuto il vincitore dello scorso anno Mathieu van der Poel (RSI.ch Informazione)

È impressionante quanto è potente, ma alla fine possiamo dire che è anche un tantinello sprecone? Trentaquattresima corsa Monumento conquistata in carriera con il suo gruppo di lupi, undicesima Ronde: che dire a uno così? (TUTTOBICIWEB.it)

Vincitore dell’E3 Binck Bank Classic 2021 settimana scorsa, conferma di essere uno dei migliori specialisti del pavé in questo momento. Kasper Asgreen coglie il successo della carriera al Giro delle Fiandre 2021. (SpazioCiclismo)

VIDEO Michael Schaer squalificato per lancio di boraccia! Asgreen e van der Poel graziati al Giro delle Fiandre

Avevo già visto che nei muri era uno dei più forti, quando ho attaccato ho visto che era stato il primo a reagire e ho capito che era in grande forma”. Tuttavia, posso essere comunque fiero di quel che ho fatto da inizio stagione ad ora. (SpazioCiclismo)

Van der Poel forse non ha saputo dosare bene le sue forze In salita ha saputo rispondere molto bene ai miei attacchi. (TUTTOBICIWEB.it)

La squalifica per il danese e l’olandese non è però arrivata… Di seguito il VIDEO della squalifica di Michael Schaer. Foto: Lapresse Dal 1° aprile, infatti, un corridore può lanciare la borraccia soltanto nelle cosiddette green zone (con personale dedicato alla raccolta delle borracce) o deve riconsegnarla alle ammiraglie. (OA Sport)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr