Forze dell'ordine fermano medico positivo prima che possa imbarcarsi sull'aereo

Forze dell'ordine fermano medico positivo prima che possa imbarcarsi sull'aereo
Yahoo Notizie INTERNO

Dopo la spaghettata, Vittorio Lauria avrebbe dato alla ragazza "un pantaloncino e una t-shirt per dormire.

"Ho rinunciato al mandato per divergenze col mio assistito sulla condotta extraprocessuale da tenere, specie in processi come questo", aveva detto l'avvocato Paolo Costa che difendeva fino a pochi giorni fa Vittorio Lauria

Il capo di imputazione modificato riguarda il secondo degli episodi contestati, e cioè la violenza sessuale di gruppo di cui sono accusati tre degli inquisiti: Ciro Grillo, Vittorio Lauria ed Edoardo Capitta. (Yahoo Notizie)

Ne parlano anche altri giornali

I poliziotti, quindi, hanno invidiato e controllato il dottore, nella sala delle partenze nazionali, impedendogli di imbarcarsi sul volo e diffidandolo a recarsi nel proprio domicilio, in provincia di Reggio Calabria, per osservare la quarantena sanitaria obbligatoria. (Gazzetta del Sud - Edizione Catanzaro, Crotone, Vibo)

Lo stesso è stato, altresì, deferito alla Procura della Repubblica di Lamezia Terme per aver fornito false dichiarazioni alle autorità dell’Unità di Crisi Covid di Reggio Calabria e per aver tentato di imbarcarsi su un volo, nonostante fosse a conoscenza della sua positività al Covid-19, col rischio di diffondere il contagio sia nell’aeroporto che a bordo dell’aeromobile, (LaC news24)

Lamezia Terme - Risultato positivo al Covid 19 ha tentato di imbarcarsi su un volo diretto a Milano. A questo punti i poliziotti hanno individuato e controllato il quarantacinquenne nelle sala delle partenze nazionali, impedendogli di imbarcarsi sul volo e diffidandolo a recarsi presso il proprio domicilio, in provincia di Reggio Calabria per osservare la quarantena sanitaria obbligatoria (Il Lametino)

Covid, polizia postale: +96% denunce per cyberbullismo

Un medico di 45 anni, A.S., originario della provincia di Reggio Calabria ma residente a Milano, è stato denunciato dagli agenti della Polizia di Frontiera Aerea dell’Aeroporto di Lamezia Terme per aver violato le norme sanitarie in materia di pandemia e per aver fornito false dichiarazioni alle pubbliche autorità. (Tempo Stretto)

Pertanto, sono state contattate la compagnia aerea e la Polaria dell'aeroporto di Lamezia Terme. I poliziotti, quindi, lo hanno raggiunto nella sala delle partenze nazionali dell'aeroporto calabrese, impedendogli di imbarcarsi sul volo e diffidandolo a recarsi nel suo domicilio, in provincia di Reggio Calabria, per osservare la quarantena sanitaria obbligatoria (IL GIORNO)

Milano, 4 mag. È uno dei dati forniti dalla polizia postale in occasione della giornata nazionale della lotta al pedofilia. (LaPresse)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr