Codogno: l’inaugurazione di un memoriale per le vittime del covid a un anno dal primo paziente

Codogno: l’inaugurazione di un memoriale per le vittime del covid a un anno dal primo paziente
LettoQuotidiano INTERNO

Difficilmente si dimenticherà che da questi luoghi partì un anno fa, quel coro continuo di sirene che avrebbe segnato per sempre l’Italia

Codogno: l’inaugurazione di un memoriale per le vittime del covid a un. A distanza di quasi un anno a Codogno oggi 21 febbraio si inaugura un memoriale Covid, per ricordare in futuro, quello che stiamo vivendo.

Fa parte del memoriale un ulivo, a cui piedi è posta una lapide, con incise le parole di Ugo Foscolo:. (LettoQuotidiano)

Su altri giornali

Ma l’unico mio desiderio è tornare una volta per tutte alla mia vita normale. Riflette la Malara, da qualche giorno anche lei assunta al San Matteo: “Ha ben chiaro quali siano i veri valori”. (Corriere Etneo)

«Siamo dove un anno fa tutto è iniziato. Un luogo per non dimenticare la sofferenza e i sacrifici della prima zona rossa ma anche un riconoscimento permanente ai valori di umanità e solidarietà». (Vigevano24.it)

Una forza unica”. Il presidente della Regione Lombardia alla commemorazione a un anno dall'inizio della pandemia. “C’è una sensazione di grande emozione per tutto quello che è stato e che è stato fatto e per la grande dimostrazione di questa comunità che ha saputo resistere, difendersi e ripartire. (LaPresse)

Covid: sindaco Codogno, 'pronti al futuro, col vaccino riprenderemo nostre vite' (2)

“E’ stato forse l’anno più duro della nostra storia, però c’è grande spirito e voglia di ripartire appena questa situazione andrà scemando” ha detto il primo cittadino Francesco Passerini. (LaPresse)

Ma non è finita e non lo sarà mai: tante famiglie hanno perso i loro cari, nessuno sa cosa accadrà domani. A Codogno, il punto zero dell'epidemia in Italia, è stato inaugurato un memoriale dedicato alle vittime del Covid-19. (Euronews Italiano)

Abbiamo l'arma del vaccino, solo con la vaccinazione di massa possiamo pensare di riprenderci le nostre vite e guardare al futuro. Dopo l'emergenza sanitaria c'è una crisi economica nella quale tutti insieme dobbiamo far fronte comune per sostenere le nostre comunità e il nostro tessuto economico", conclude il sindaco Passerini (LiberoQuotidiano.it)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr