Omicidio di 'Ndrangheta a Buccinasco: "C'è il rischio di una guerra di mafia"

Omicidio di 'Ndrangheta a Buccinasco: C'è il rischio di una guerra di mafia
MilanoToday.it INTERNO

"L'omicidio di Salvaggio è stato volutamente spettacolare - spiega Schiavone - Quasi sfrontato per la sua dinamica.

Spaccio, spiegano il consigliere 5 Stelle, il cui monopolio appartiene da sempre alle potenti famiglie della 'Ndrangheta che risiedono nell'hinterland di Milano e che secondo Schiavone potrebbero essere protagoniste di una faida che vedrebbe contrapposte le nuove leve della mafia calabrese e i vecchi boss arrivati in Lombardia negli anni '70. (MilanoToday.it)

La notizia riportata su altri media

In carcere a 32 anni. O ancora il nipote Domenico Papalia, detto Micu u bruttu, nessuna condanna per mafia, ma da sempre molto vicino allo zio (Corriere della Calabria)

Il 15 gennaio 1978 «Dum Dum» viene sorpreso nel suo covo dai carabinieri: sta dormendo con una rivoltella a tamburo calibro 45 sotto il cuscino. Ma la carriera criminale di «Dum Dum» inizia qui. (Corriere Milano)

Commenta così a Fanpage.it il sindaco di Buccinasco, teatro questa mattina di una vera e propria esecuzione di stampo mafioso, Rino Pruiti. Sparatoria a Buccinasco, il sindaco: “Si sta consumando una nuova guerra di mafia” A poche ore dall’omicidio in pieno centro a Buccinasco parla il sindaco Rino Pruiti: “Qui si sta consumando una nuova guerra di mafia”. (Fanpage.it)

Esecuzione in strada a Buccinasco, l’agguato mafioso in pieno giorno: freddato il broker Paolo Salvaggio

Giuseppe Perre invece è parente del clan di ‘ndrangheta Sergi (da parte di madre) e dei Marmando. No, Buccinasco non era tranquilla (Fanpage.it)

Perché la ‘ndrangheta a Buccinasco, come nel resto della Lombardia, ha mostrato che se vuole può conservare la pace Tanto da richiedere l'attenzione già nel 2012 di Nando dalla Chiesa e Martina Panzarasa, autori del libro "Buccinasco. (Fanpage.it)

Era considerato un broker del narcotraffico nel milanese e quindi vicino ai clan del Montenegro, a loro volta vicini a quelli colombiani. Quella parte di provincia milanese è considerata storicamente territorio dei clan della ‘Ndrangheta calabrese (Il Riformista)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr