Vaccino Covid entro novembre? Viola: “Il problema è un altro”

Vaccino Covid entro novembre? Viola: “Il problema è un altro”
BlogLive.it BlogLive.it (Salute)

Secondo la donna è possibile avere un vaccino entro novembre, ma con riferimento chiaro alla registrazione dello stesso con procedure di emergenza.

Il vaccino anti Covid potrebbe arrivare entro novembre.

L’immunologa però spiega nei dettagli la possibile soluzione. L’Italia è vicinissima al secondo lockdown ed il vaccino anti Covid sarebbe la panacea di tutti i mali, sanitario in primis.

Per il vaccino, invece, dopo la registrazione si dovrà affrontare la fase della produzione e della distribuzione per poi individuare chi vaccinare per primo. (BlogLive.it)

La notizia riportata su altri media

La casa farmaceutica Pfizer prevede di chiedere l'autorizzazione per il suo vaccino contro il coronavirus all'agenzia americana Fda nella terza settimana di novembre. Infine, dobbiamo dimostrare che il vaccino può essere costantemente prodotto secondo i più elevati standard di qualità". (Sky Tg24)

"Potremmo sapere se il nostro vaccino è efficace - spiega il Ceo - o meno entro la fine di ottobre. La casa farmaceutica Pfizer prevede di chiedere l'autorizzazione per il suo vaccino anti-Covid all'agenzia americana Fda nella terza settimana di novembre. (San Marino Rtv)

Burioni, in particolare, evidenzia di non aver mai detto che il vaccino arriverà a novembre. ", ha twittato ieri Burioni. (Adnkronos)

Coronavirus. Un vaccino potrebbe essere pronto a novembre

"Potremmo sapere se il nostro vaccino è efficace - spiega il Ceo - o meno entro la fine di ottobre. Albert Bourla, amministratore delegato di Pfizer, scrive che se tutto andrà bene presenterà una richiesta per una autorizzazione di emergenza del vaccino contro Covid 19 nella terza settimana di novembre 2020. (San Marino Rtv)

L’accademico non ha quindi annunciato l’arrivo di un vaccino entro novembre, come molti avevano capito, ma solo la richiesta per la sua autorizzazione. https://t.co/4GgR8bdiGW — Roberto Burioni (@RobertoBurioni) October 17, 2020 (RomaNews)

Infine, dobbiamo dimostrare che il vaccino può essere costantemente prodotto secondo i più elevati standard di qualità». In secondo luogo bisogna dimostrare che il vaccino sia sicuro, con dati affidabili generati da migliaia di pazienti. (The Wam)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr