Femminicidio, in campo le iniziative della Questura di Vibo

Femminicidio, in campo le iniziative della Questura di Vibo
Altri dettagli:
Zoom24.it INTERNO

Ai ragazzi saranno anche distribuiti gli opuscoli informativi forniti dal Dipartimento della Pubblica Sicurezza.

Il Dirigente e la Divisione Anticrimine della Questura illustrerà l’attività svolta dal proprio ufficio nel corso dell’anno ed i risultati ottenuti

La Questura di Vibo Valentia, anche quest’anno, intende riaffermare la vicinanza alle donne vittime di violenza con una serie di iniziative in occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne. (Zoom24.it)

Su altre testate

Cala la percentuale di recidive di chi commette violenze domestiche e stalking. “Grazie al protocollo Zeus, varato dalla divisione anticrimine della Questura di Milano e dal CIPM, diretto dal professor Paolo Giulini, la percentuale di recidive di chi commette violenze domestiche e stalking è passata dal 10% del 2018 al 7% del 2021. (LaPresse)

In occasione della Giornata contro la violenza sulle donne domani, giovedì 25 novembre, la questura di Chieti in piazza G.B. Vico allestirà un camper nell’ambito della campagna nazionale per la prevenzione della violenza di genere. (Chietitoday)

Nel 49% dei casi i soggetti ammoniti, sia per stalking che per violenza domestica, vivono o hanno vissuto con la vittima. #essercisempre è un impegno costante perché, come affermato dal Prefetto Lamberto Giannini, “il silenzio aiuta l’aguzzino, mai la vittima” (VicenzaToday)

Per aiutare a trovare il coraggio di denunciare

Nel 49% dei casi i soggetti ammoniti, sia per stalking che per violenza domestica, vivono o hanno vissuto con la vittima Sono 89 al giorno le donne vittime di reati di genere ogni giorno in Italia: il dato emerge dalle segnalazioni raccolte dalle divisioni anticrimine delle questure. (La Stampa)

L’iniziativa oltre ad avere la valenza di una campagna informativa, tende ad aprire un canale comunicativo diretto con le potenziali vittime, aiutarle, a riconoscere i segnali della sopraffazione, sostenerle e, soprattutto, fornire loro una corretta informazione sugli strumenti di legge e di sostegno relativi all’attività di prevenzione e contrasto alla violenza domestica. (Prima Monza)

Nell’opuscolo sono riportate, altresì, alcune storie, tutte realmente accadute, le quali, ci si augura, possano consentire a chi legge di sentirsi più libero nelle proprie scelte, facendogli conoscere gli strumenti a tutela disponibili. (La voce di Rovigo)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr