Decreto Covid, il divieto di spostamento tra Regioni sarà prorogato per altri 30 giorni

Decreto Covid, il divieto di spostamento tra Regioni sarà prorogato per altri 30 giorni
Il Fatto Quotidiano INTERNO

L’allarme varianti – A pesare nelle trattative di queste ore c’è la necessità di rispondere alla minaccia delle varianti.

La struttura del Commissario straordinario Covid-19, infine, “assicura la fornitura dei vaccini e dei materiali ausiliari“, come siringhe e diluenti

Il nuovo decreto Covid in agenda nel Consiglio dei ministri di lunedì mattina è quindi solo l’antipasto di una settimana fitta di trattative. (Il Fatto Quotidiano)

Se ne è parlato anche su altre testate

Questi almeno i primi dettaglio emersi mentre prosegue il vertice tra governo, comuni e regioni. Bassetti ha visto i numeri riservati: travolti dal Covid, qua si mette malissimo. Intanto Mario Draghi ha convocato per domattina alle 9. (Liberoquotidiano.it)

Lo stop allo spostamento tra regioni non riguarda, si ricorda, il personale scolastico in servizio fuori dalla regione di residenza. In ogni caso, è necessario che i nuovi e più snelli meccanismi vedano una definizione più chiara da parte di CTS e dell’ISS. (Orizzonte Scuola)

Prima della riunione tra le Regioni, le Province autonome e l'Anci con Mariastella Gelmini e Roberto Speranza, era stata messa a punto una bozza contenente le proposte per il prossimo futuro in materia di contenimento e convivenza con il coronavirus. (ilGiornale.it)

Vertice governo-Regioni: prorogato di un mese il divieto di spostamenti

Vertice serale in videoconferenza, ieri, tra i ministri Speranza e Gelmini e i governatori. Il Consiglio dei ministri si occuperà solo della proroga del divieto di mobilità tra le Regioni, ha precisato la ministra. (l'Adige)

E’ questa, secondo Stefano Bonaccini, presidente dell’Emilia-Romagna e della Conferenza delle Regioni, la richiesta principale che dai territori arriva al governo. Il nuovo governo apre alle Regioni cercando un dialogo quanto più condiviso sulle future decisioni relative alla gestione dell’emergenza. (Corriere della Calabria)

Un’iniziativa che conferma, appunto, quella nuova “dinamica” all’interno del governo registrata da diversi presidenti di regione. «Possiamo e vogliamo chiedervi di partecipare a un processo decisionale che dovrà essere tempestivo, essere snello, ma che non potrà calare sulle vostre teste». (Il Messaggero Veneto)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr