15 mesi, il corpo trovato in Norvegia

15 mesi, il corpo trovato in Norvegia
Il Manifesto ESTERI

Ci sono voluti più di sette mesi per dare un nome all’ennesimo neonato morto mentre con i genitori cercava di attraversare il tratto di mare che lo divideva dalla speranza di una nuova vita.

Solo 15 persone si salvarono

Il corpo di Artin, bimbo curdo iraniano di 15 mesi, è stato rinvenuto dalla polizia sulle coste del sud della Norvegia, nei pressi della città di Karmoy.

Il piccolo era morto in un naufragio avvenuto il 27 ottobre dello scorso anno nel canale della Manica, mentre con la famiglia e altri migranti stava cercando di raggiungere la Gran Bretagna dalla Francia (Il Manifesto)

Su altre testate

Il corpo di Artin, bimbo curdo-iraniano di appena un anno e tre mesi, rinvenuto dalla polizia sulle coste del sud della Norvegia, nei pressi della città di Karmoy. Il corpo sarà rispedito in Iran per la sepoltura da parte dei familiari. (L'Unione Sarda.it)

Solo 15 persone si sono salvate dal naufragio dell’imbarcazione Artin è morto il 27 ottobre dell’anno scorso insieme a quattro membri della sua famiglia nel Canale della Manica, quando l’imbarcazione sulla quale tentavano la traversata verso la Gran Bretagna è affondata. (Quotidiano.net)

I parenti rimasti in Iran avevano espresso dolore e smarrimento nell'attesa di sapere cosa fosse successo ad Artin. Il naufragio era avvenuto nell'ottobre scorso, ma il corpo è stato ritrovato il 1° gennaio e le autorità norvegesi ne danno notizia oggi, dopo l'identificazione resa possibile grazie alla comparazione del Dna. (Avvenire)

Il dramma di Artin, il piccolo migrante iraniano affogato nella Manica e ritrovato in Norvegia

Una orribile tragedia che ricorda quella di Aylan Kurdi Il dramma di Artin, il piccolo migrante iraniano affogato nella Manica e ritrovato in Norvegia dal nostro corrispondente Antonello Guerrera. Il piccolo Artin (ansa). (La Repubblica)

Fornito da Avvenire. E' stato ritrovato sulle coste della Norvegia il corpo di un bimbo curdo di 15 mesi affogato con i familiari nel Canale della Manica, nel tentativo di raggiungere dalla Francia la Gran Bretagna (Notizie - MSN Italia)

A identificare il corpo del bambino, attraverso un esame comparato del dna, sono state le autorità norvegesi, come comunicato dalla polizia locale. Un viaggio della disperazione, quello di Artin e della sua famiglia, ricostruito da polizia norvegese e dalla Bbc inglese, che vede ‘protagonista’ anche l’Italia (Il Riformista)

Facebook Twitter Pinterest Linkedin Tumblr